Differenze tra le versioni di "Café Express"

m
nessun oggetto della modifica
(+ 1 (frase pronunciata quando vede che un signore sul treno sta per essere derubato)
m
titolooriginale=Café Express
|
paese=[[Italia]]
|
anno=1980
|
genere=Commediacommedia
|
regista=[[Nanni Loy]]
|
soggetto=[[Nanni Loy]], [[Elvio Porta]]
|
sceneggiatore=[[Nanni Loy]], [[Elvio Porta]], [[Nino Manfredi]]
|
attori=
 
==Citazioni su ''Café Express''==
* Tra comicità e patetismo, un mondo di risorse e umanità che Loy aveva già esplorato nelle sue indagini televisive, affidato all'estro agrodolce di Manfredi. {{NDR|Paolo Mereghetti - (''Dizionario[[Il dei filmMereghetti]]''}})
 
* Nel film convergono, con risultati quasi sempre efficaci, la vena neorealistica di un regista memore di De Sica-Zavattini (il modo di vedere i ricchi è ancora quello di ''Miracolo a Milano'', il finale su padre e figlio ricorda ''Ladri di biciclette'') e la grande tradizione del teatro dialettale napoletano. Abbiamo fatto il nome di Eduardo perché in questo film Nino Manfredi si conferma come l'attore italiano che ne ha meglio assimilato la lezione: qui, per esempio, assomiglia all'Eduardo di trent'anni fa più dello stesso Eduardo ascetico ed essenziale di oggi. Del suo modello Manfredi riproduce genialmente le coloriture, i tempi, le ironie, gli scandagli emotivi da racconto russo; e alla vena pirandelliana di Eduardo rimanda anche il discorso su verità e finzione che nasce intorno al braccio di legno. Staccandosi dalla matrice di un film inventato sulla realtà, Manfredi scivola in leggerezze verso un gran teatro: infatti recita come se avesse lo spettatore davanti e potesse sfruttarne le reazioni, adattandosi al suo respiro e strapparne l'immediato consenso... {{NDR|[[Tullio Kezich]] - recensione del film su ''la Repubblica'', 16 febbraio 1980}}
 
 
==Altri progetti==
{{interprogetto|w|etichetta=''Café Express''}}
 
[[Categoria:Film commedia]]