Apri il menu principale

Modifiche

Nessun cambiamento nella dimensione, 6 anni fa
fix dettagli
'''Trilussa''', pseudonimo di '''Carlo Alberto Salustri''' (1871 – 1950), poeta e favolista italiano.
 
*''C'è un'[[Ape]] che se posa | su un bottone de rosa: | lo succhia e se ne va... | Tutto sommato, la [[felicità]] | è una piccola cosa.'' (da<ref>Da ''Felicità'', in ''Poesie'').</ref>
*''Che belli tempi! — disse sospiranno — | Eh! queli tempi, caro signorino, | Nun torneranno più, nun torneranno! | Pe' via ch'allora la [[Bandiera d'Italia|bandiera nostra]] | Nun era carcolata come adesso | A una pezza attaccata in un bastone | Ch'è car'e grazzia se je vanno appresso | Ne la dimostrazzione! | Pe' nojantri era tutto: era la fede, | Era l'amore, l'anima, la vita, | Co' la speranza de potella vede | Sventolà ar sole su l'Italia unita! | L'[[Italia]]! Solamente a 'sta parola | Er sangue ce bolliva ne le vene, | Er core ce zompava ne la gola! | E che strazzi, che tribboli, che pene | Che sapemio soffrì pe' 'st'ideale, | Senza fa' tante scene | Co' le sottoscrizzioni sur giornale! | Ché puro allora se viveva male, | Ma, per lo meno, se moriva bene!'' (da<ref>Da ''Er venditore de pianeti'', in ''Nove poesie'', pp. 48-49).</ref>
*''È stato ar fronte, sì, ma cor pensiero: | però te dà le spiegazioni esatte | de le battaje che nun ha mai fatto | come se ce fusse stato per davvero. Avressi da vedé come combatte | ne le trincee! Che guerriero! | Tre sere fa per prenne er Montenero | ha rovesciato er cuccomo del latte!'' (da<ref>Da ''Un eroe ar café''; citato in [[Albino Luciani]], ''Illustrissimi''1979, p. 18, Edizioni APE Mursia, 1979).</ref>
*Er [[bacio]] è er più ber fiore che nasce ner giardino de l'[[amore]]. (da<ref>Da ''La sincerità e altre fiabe nove e antiche'', Mondadori).</ref>
*L'[[umorismo]] è lo zucchero della [[vita]]. Ma quanta saccarina in commercio! (citato<ref>Citato in [[Dino Provenzal]], ''Dizionario umoristico'', Ulrico Hoepli, Milano, 1935).</ref>
*''La lumachella de la Vanagloria | ch'era strisciata sopra un obelisco, | guardò la bava e disse: Già capisco | che lascerò un'impronta ne la Storia''. (citato<ref>Citato in [[Albino Luciani]], ''Illustrissimi''1979, p. 15, Edizioni APE Mursia, 1979).</ref>
*''Quann'ero ragazzino, | mamma mia me diceva: | Ricordati, fijolo, | quanno te senti veramente solo | tu prova a recità n'Ave [[Maria]]''. (da<ref>Da ''La solitudine'').</ref>
*''Quanno che senti di' "[[cleptomania]]" | è segno ch'è un signore ch'ha rubato: | er ladro ricco è sempre un ammalato | e er furto che commette è una pazzia. | Ma se domani è un povero affamato | che rubba una pagnotta e scappa via | pe' lui nun c'è nessuna malatia | che j'impedisca d'esse condannato.'' (da<ref>Da ''L'ingiustizie der monno'').</ref>
*{{NDR|Riferito alla visita di [[Adolf Hitler|Hitler]] ain [[Roma]]Italia nel 1938}} ''Roma de travertino, | rifatta de cartone, | saluta l'imbianchino, | suo prossimo padrone''.<ref>Citato in [[Antonio Spinosa]], ''Il potere, il destino e la gloria'', Mondadori, 2010, [http://books.google.it/books?id=glD9G9QyeeoC&pg=PT325#v=onepage&q&f=false pag.]</ref>
*''Se invece d'esse [[pazzia|matto]] | fosse rimasto scemo solamente, | chi sa che nome se sarebbe fatto!'' (da<ref>Da ''A chi tanto e a chi gnente!'').</ref>
*...''seconnoSeconno le [[statistica|statistiche]] d'adesso | risurta che te tocca un pollo all'anno: | e, se nun entra nelle spese tue, | t'entra ne la statistica lo stesso | perch'è c'è un antro che ne magna due.'' (da<ref>Da ''La Statistica'', in ''Poesie'').</ref>
*Spesso, più che la stima, è la [[prudenza]] che ce consija a fa' la riverenza. (da<ref>Da ''Le favole'').</ref>
 
== ''Aforismi'' ==
*Se insisti e resisti raggiungi e conquisti.
*[[Sovrano]] come er popolo sovrano | che viceversa nun commanna mai.
*Spesso una cosa stupida si regge perché viene approvata dalla [[Legge]].
 
==Note==
 
==Bibliografia==
*[[Albino Luciani]], ''Illustrissimi'', Edizioni APE Mursia, 1979.
*Trilussa, ''Tutte le poesie'', Arnoldo Mondadori, I meridiani, Milano 2004. ISBN 8804523662
*Trilussa, ''Aforismi 1927 – 1950'', in ''Tutte le poesie'', cit.