Apri il menu principale

Modifiche

115 byte aggiunti ,  6 anni fa
+ fonte, correggo trascrittura (cfr. http://books.google.it/books?id=kjL8AmMIEd0C&pg=PA79
*''La lumachella de la Vanagloria | ch'era strisciata sopra un obelisco, | guardò la bava e disse: Già capisco | che lascerò un'impronta ne la Storia''. (citato in [[Albino Luciani]], ''Illustrissimi'', p. 15, Edizioni APE Mursia, 1979)
*''Quann'ero ragazzino, | mamma mia me diceva: | Ricordati, fijolo, | quanno te senti veramente solo | tu prova a recità n'Ave [[Maria]]''. (da ''La solitudine'')
*{{NDR|Riferito alla visita di [[Adolf Hitler|Hitler]] a [[Roma]] nel 1938}} ''Roma de travertino, | rifatta de cartone, | saluta l'imbianchino, | suo prossimo padrone''.<ref>Citato in [[Antonio Spinosa]], ''Il potere, il destino e la gloria'', Mondadori, 2010, [http://books.google.it/books?id=glD9G9QyeeoC&pg=PT325#v=onepage&q&f=false pag.]</ref>
*...''seconno le [[statistica|statistiche]] d'adesso | risurta che te tocca un pollo all'anno: | e, se nun entra nelle spese tue, | t'entra ne la statistica lo stesso | perch'è c'è un antro che ne magna due.'' (da ''La Statistica'', in ''Poesie'')
*''Se invece d'esse [[pazzia|matto]] | fosse rimasto scemo solamente, | chi sa che nome se sarebbe fatto!'' (da ''A chi tanto e a chi gnente!'')
*Spesso, più che la stima, è la [[prudenza]] che ce consija a fa' la riverenza. (da ''Le favole'')
*[La serva è ladra, la padrona è cleptomane.] ''Quanno che senti di' "[[cleptomania]]" | è segno ch'è un signore ch'ha rubbatorubato: | er ladro ricco è sempre un ammalato | e er furto che commette è una pazzia. | Ma se domani è un povero affamato | che rubba una pagnotta e scappa via |p èpe' lui nun c'è nessuna malatia | che j'impedisca d'esse condannato!|...'' (da ''L'ingiustizie der monno'')
 
==Senza fonte==
{{senza fonte}}
*''Roma di travertino | rifatta di cartone | saluta l'imbianchino | suo prossimo padrone''. {{NDR|Riferito alla visita di [[Adolf Hitler]] a [[Roma]]; scritta nel 1934.}}
 
== ''Aforismi'' ==