Differenze tra le versioni di "Ignazio Fresu"

m
Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".)
{{Int|[//www.adgblog.it/2012/06/26/intervista-ad-ignazio-fresu-quel-che-resta-durante-il-sabato-del-villaggio/ Intervista ad Ignazio Fresu: "Quel che resta" durante "Il sabato del villaggio"]|Silvia Mordini, ''adgblog.it'', 26 giugno 2012}}
<!--citazioni nello stesso ordine col quale sono state dette-->
*Le idee nascono e progrediscono lentamente, quasi da sole, senza che neanche me ne accorga. Ma sono come un fuoco sotto la cenere che poi divampa all'improvviso con l’urgenzal'urgenza di svilupparle e realizzarle. Ne sono soggiogato, tanto che potrebbero sembrare nate lì per lì.
 
*Ho sempre avuto una particolare venerazione nei confronti delle biblioteche, di tutte le biblioteche che definirei "religiosa". Le ho sempre considerate le vere cattedrali dell'umanità.
*I cumuli non sono un muro, una trincea, non una linea di separazione ma di unione, una linea di espansione che partendo dalla biblioteca si allarga nell'ambiente circostante inglobando lo spazio esterno in una spirale aurea che prosegue all'infinito.
 
*Leopardi ci mette in guardia nei confronti delle nostre illusorie aspettative e della nostra incapacità di godere del presente nel momento stesso in cui questo viene vissuto, tralasciando però la grande ricchezza della nostra memoria, dei ricordi che sono una parte importante della nostra vita. Lo è la stessa poesia, lo sono le “cose”"cose" che formano entrambe le installazioni. Lo sono i libri nella biblioteca Lazzerini, lo sono i giochi a Cerreto Laziale, il "villaggio" della poesia leopardiana. Il luogo che immaginavo dai versi, la stessa gente, la stessa storia.
 
{{Int|[//www.antsonweb.com/interviste/intervista-all-artista/ignazio-fresu.html Intervista all'artista Ignazio Fresu]|da Eros Tetti, ''ANTSonweb.com'', 1 giugno 2008}}
<!--citazioni nello stesso ordine col quale sono state dette-->
*Le opere che realizzo e che ho realizzato sono nate e nascono da un'esigenza indipendente, una necessità autonoma che nulla ha a che vedere con la "volontà" dell’esseredell'essere artisti. In questo senso non sono stato io a scegliere l’artel'arte ma ho sempre vissuto questo rapporto con naturalezza. […] Questa esigenza nasce più che da uno stato d'animo, da una riflessione interiore che trova nella rappresentazione estetica la sua espressione.
 
*[L]'utilizzo di materiali quali imballi di cartone e polistirolo non nasce dall’esigenzadall'esigenza di realizzare opere legate al [[riciclaggio]] fine a se stesso, così come generalmente viene attribuito a questa tipologia di lavori, ma il recupero di questi, sono un mezzo con cui appropriarsi di materiali “disponibili”"disponibili", privi di costi e dalla forte pregnanza simbolica. Recuperare non significa riciclare, nell’ideanell'idea di riciclaggio come fine, vedo una qualche forma di giustificazione, inclusa “l’assoluzione”"l'assoluzione", nei confronti di questa nostra società basata sul consumismo.
 
*Il mondo che vorrei? Un mondo che non persegue la crescita del [[PIL]] come fine unico che determina una condizione di generale malvivere, lanciati, come siamo, in una folle corsa verso lo sfacelo globale. Una vera e propria guerra tra nazioni che assume aspetti differenti dalle guerre tradizionali ma che ha conseguenze ben più catastrofiche e di più lunga durata. Una guerra che non potrà infine evitare di giungere a calpestare tutto e tutti, esaurire ed inquinare ogni risorsa, violare ogni diritto e dimenticare ogni dovere […]. A causa del PIL siamo tutti indistintamente vittime e carnefici di un massacro, di uno sterminio globale.
*L'[[apparire]], nel pensiero Occidentale, attraverso la fede nel divenire, è nascondimento del volto autentico dell'essente, fede che nasce dall'indiscussa convinzione che il divenire sia un uscire dal nulla e un ritornarvi.
 
*Gli oggetti che trasformo nascono da un’ideaun'idea a cui poi cerco di adeguare, inventandola di volta in volta, la tecnica più appropriata in grado di conformarsi all'idea.
 
*[L]a [[bellezza]] [è] ciò che permane come sostrato del divenire, non solo come manifestazione di ciò che è mutato, ma nell'agire stesso del mutare.
==Citazioni su Ignazio Fresu==
===[[Sara Paradisi]]===
*Ignazio Fresu è un artista dall’attivitàdall'attività espositiva molto intensa sia in Italia che all’esteroall'estero. Si occupa di arte a 360 gradi, dedicandosi alla scultura, alla pittura e alle installazioni.
 
*Le sue opere sono basate sul contrasto tra realtà ed apparenza, sull’ingannosull'inganno generato dallo sguardo frettoloso. Ogni cosa è esattamente l’oppostol'opposto di ciò che appare e nessuno sembra accorgersene. Il metallo non è metallo, ma spesso cartone o polistirolo travestito da metallo. L’usuraL'usura e l’ossidazionel'ossidazione dei materiali sono soltanto un abile gioco di interventi manuali. La leggerezza è travestita da pesantezza. Gli equilibri precari sono calibrate composizioni statiche. L’acquaL'acqua viene riprodotta attraverso materiali tecnologici come il plexiglas e il vetro.
 
*Giocare con i materiali e con il concetto di apparenza è uno dei modi di Ignazio Fresu per collegarsi alle tematiche del divenire, della trasformazione dell’uomodell'uomo e delle cose operata dallo scorrere del tempo così come al concetto della bellezza precaria ed effimera. Spesso l’artistal'artista si avvale anche di titoli evocativi, riferibili a frasi o aforismi tratti dall’universodall'universo letterario o filosofico.
 
*Si è detto che Fresu è un artista a tutto tondo, capace di trattare con dovizia di tecnica e con grande ispirazione qualsiasi forma d’arted'arte.
 
*L’artistaL'artista pratese, conosciuto per le sue installazioni di grande impatto visivo ed emotivo, tutte giocate sul contrasto tra apparenza e realtà, ha presentato nel 2007 al Giardino del The di Prato una serie di lavori in cui per la prima volta lascia in disparte la materia scultorea per rivolgersi invece a tela e pennelli.
 
*Fresu non utilizza i comuni colori o le tecniche pittoriche più tradizionali, bensì procede da un’elaborazioneun'elaborazione digitale delle fotografie di alcune sue installazioni tridimensionali, per poi proseguire ad una stampa delle immagini con inchiostro a olio su tela ed infine ad un intervento pittorico su di essa con impasti acrilici a base di alluminio e ferro. L’utilizzoL'utilizzo della materia metallica è uno degli elementi caratterizzanti del lavoro di Fresu, un modo per far sì che con il tempo le superfici da esso ricoperte si deteriorino ossidandosi, si trasformino arricchendosi.
 
*Ignazio Fresu si diverte a giocare con la percezione dell’occhiodell'occhio umano, un occhio che spesso sembra fermarsi solo all’apparenzaall'apparenza, al primo impatto, ma che invece deve imparare ad andare oltre, a scandagliare i significati più reconditi delle cose.
 
==Sulle opere di Ignazio Fresu==
===[[Sara Paradisi]]===
*In "Tutte le cose che abbiamo visto e preso le lasciamo; quelle che non abbiamo visto né preso, le portiamo con noi", installazione presentata a Pistoia che dà forma all’aforismaall'aforisma di Eraclito in cui si narra dell’enigmadell'enigma della conoscenza sull’immediatosull'immediato e soprattutto la preminenza dell’interioritàdell'interiorità rispetto all’illusoriaall'illusoria concretezza del mondo esterno, in cui stele di ferro rugginoso e pietra poste in equilibrio precario sono in realtà dei blocchi di polistirolo.
 
*Quello degli equilibri precari è uno fra i temi più rappresentati da Fresu che troviamo raffigurato ne "La Ginestra", che riproduce un’installazioneun'installazione presentata a Firenze apertamente ispirata alla celebre poesia di Giacomo Leopardi in cui il fragile e precario arbusto, simbolo dell’uomodell'uomo, resiste alle violente forze della natura, specchio delle difficoltà della vita.
 
*Il gioco delle verosimiglianze invece lo troviamo nella tela che riproduce “Who"Who What Where”Where", installazione presentata a Siena nella mostra collettiva “H2O"H2O Espressioni Liquide”Liquide", in cui l’elementol'elemento liquido viene reso attraverso ciotole di cristallo che avvalendosi del gioco di rifrazione della luce commisto ad un attento equilibrio di pieni e vuoti, creano giochi acquatici incredibilmente carichi di magia.
 
==Note==
69 545

contributi