Differenze tra le versioni di "Pastore"

2 byte rimossi ,  7 anni fa
m
Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".)
 
*Il buon pastore deve tosare le pecore, non scorticarle. ([[Gaio Svetonio Tranquillo]])
*È un pastore oggi quel mio amico, ha fatto la guerra, adulto, cadente e sgangherato, ma egli è sempre senza macchia; se lo guarda la donna più bella del mondo non si copre la bocca vuota dei denti con le mani, ma l’aprel'apre e ride, più bello di tutti lui, cresciuto nel sole e nella pioggia. ([[Rocco Scotellaro]])
*Pastore: Io faccio il pastore, questo ci posso dire.<br/>Giuseppe Romolo Morelli: Perfetto, parla da' pastorizia.<br/>Pastore: La cosa bella di essere pastore è che con le stelle ci ragiona. I paesani non li talíano mai alle stelle, invece il pastore, in campagna, di notte, è diverso. Io dalle volte guardo le stelle e parlo: "Ma vero c'è il mondo?", non ci credo che c'è il mondo, sono farfanterie. Lo penso pure quando talío un coniglio ammazzato. L'occhio pare sempre vivo e mi talía, come quando si talía un quadro. Io una volta l'ho visto un quadro, e pure che mi muovevo di una parte e dall'altra talíava sempre a me. (''[[L'uomo delle stelle]]'')
*Quando il pastore è cieco il gregge si disperde. ([[Isaac Bashevis Singer]])
69 545

contributi