Differenze tra le versioni di "Doris Lessing"

è di Gotthold Ephraim Lessing
m (refuso)
(è di Gotthold Ephraim Lessing)
*È dai falliti e dagli sconfitti di una civiltà che se ne possono meglio giudicare le debolezze.<ref>Da ''L'erba canta'', a cura di M. A. Saracino, La Tartaruga.</ref>
*Fin dal primo versetto del [[Qoelet|Qohèlet]] si viene trasportati da una corrente ininterrotta di suoni, incantatoria, quasi ipnotica [...]. Si hanno le orecchie in estasi e al tempo stesso si è totalmente vigili.<ref>Da ''Introduzione'', traduzione di Anna Nadotti, in ''Qohèlet'', Einaudi, Torino, 2000, p. VIII. ISBN 88-06-15180-0</ref>
*Gli uomini saggi sono sempre veritieri nella condotta e nei discorsi. Non dicono tutto quello che pensano, ma pensano tutto quello che dicono.<ref>Da ''Manuale di morale''.</ref>
*Nessuno di voi chiede qualcosa, ma tutto, e solo finché ne avete bisogno.<ref>Da ''Il taccuino d'oro'', traduzione di M. Serini, Feltrinelli.</ref>
*Quello che le femministe vogliono da me è qualcosa che loro non hanno preso in considerazione perché proviene dalla religione. Vogliono che sia loro testimone. Quello che veramente vorrebbero dirmi è ''Sorella, starò al tuo fianco nella lotta per il giorno in cui quegli uomini bestiali non ci saranno più''. Veramente vogliono che si facciano affermazioni tanto semplificate sugli uomini e sulle donne? In effetti, lo vogliono davvero. Sono arrivata con grande rammarico a questa conclusione.<ref>Da ''The New York Times'', 25 luglio 1982.</ref>
26 944

contributi