Differenze tra le versioni di "Vittoria Colonna"

m
nessun oggetto della modifica
m (refuso)
m
 
==''Rime''==
*''Di così nobil fiamma [[Amore|Amor]] mi cinse, | Ch'essendo spenta, in me vive l'ardore; | Né temo nuovo caldo, che 'l vigore | Del primo foco mio tutt'altri estinse''. (dal [[s:Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto XVIII|Sonetto XVIII]])
*''[[Amore|Amor]] tu sai, che mai non torsi il piede | Dal carcer tuo soave, né disciolsi | Dal dolce giogo il collo, né ti tolsi | Quanto dal primo dì l'alma ti diede''. (dal [[s:Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto XIX|Sonetto XIX]])
*''Quando [[Morte]] tra noi disciolse il nodo, | Che prima avvinse il Ciel, Natura e Amore, | Tolse agli occhi l' oggetto, il cibo al core, | L' alme congiunse in più congiunto modo''. (dal [[:s:Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto XXII|Sonetto XXII]])
*''Morto, il vigor, che pria sostenne l'ale, | S'estinse; onde alla strada eccelsa e sola | Fa che 'l desir bramoso indarno s'erga''. (dal [[s:Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto XXV|Sonetto XXV]])
*''Se dal dolce pensier riscuoto l' [[Anima|alma]] | Per bassi effetti dell' umana vita, | Riman dal corso suo, quasi smarrita | [[Nave]], ch' affretta in perigliosa calma''. (dal [[s:Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto XXXII|Sonetto XXXII]])
 
==[[Incipit]] di ''Rime''==
==Citazioni su Vittoria Colonna==
*Bellissima della persona, e figlia di bella madre, e di somma onestà, e d'altre rari doti dell'animo pregiata, oltre ogni dire, qual la dipinse il [[Angelo di Costanzo|di Costanzo]], fu Vittoria Colonna. La quale, vedovando fresca ancor di bellezza, sebbene a 35 anni, sfuggì non solo ogni amoroso adescamento; ma rifiutò benanco la mano d'illustri personaggi, immersa sempre nel dolore per la morte del suo adorato consorte. ([[Agostino Gallo]])
*''Da questa porta risospinta al lampo | Di vincitor del tempo eterni libri | Fugge ignoranza, e dietro lei le larve | D'error pasciute, e timide del Sole. | Opra è infinita i tanti aspetti e i nomi | Ad uno ad uno annoverar. | Tu questo, Lesbia, non isdegnar, gentil volume | Che s'offre a te : da l'onorata sede | Volar vorrebbe a l'alma autrice incontro. | D'ambe le parti immobili si stanno, | Serbando il loco a lui, Colonna e [[Gaspara Stampa|Stampa]]. | Quel pur ti prega che non più consenta | A l'alme rime tue, vaghe sorelle, | Andar divise, onde odono fra 'l plauso | Talor sonar dolce lamento: al novo | Vedremo allor volume aureo cresciuto | Ceder loco maggior [[Gaspara Stampa|Stampa]] e Colonna''. ([[Lorenzo Mascheroni]])
*''Languia la gran Colonna, e Amor con lei, | Dal cui bel viso mai non si diparte, | Da cruda febbre travagliato, e in parte | Stanco di saettare uomini, e Dei; | Quando dal terzo ciel scesa Colei, | Che in cielo, in terra, e in mare ha tanta parte, / La vide, e tra se disse : or per guai arte | Non so io son Ciprigna, e se costei? | Certo Amor che solca sempre esser meco | Mi dona a diveder che non son'io; | Poiché si strettamente il veggio seco, | Anzi mi par sia più possente Dio | Nella sua faccia, cosi infermo, e cieco. | Che sano esser non suol nel volto mio'' ([[Angelo di Costanzo]])
*''Cenere è quel che in lungo incendio ardente | Soave foco in sul mio cor si sparse, | E dell'antiche sue faville, ond'arse | Già fredde or lascia le vestigia e spente. | D'un si lieve principio, ampio e possente | Come crebbe il mio duol qui può mirarse, | Qual ria procella suol dietro lasciarse | Delle rovine sue segno dolente; | Morto lo spirto, che talor vivace | Le sue fiamme sostenne invitto e forte, | Non gusta, o sente il cor dolcezza o doglia; | E se già visse in pene, or nella morte, | Queto giace e tranquillo, e questa spoglia | Lacera e rotta almen riposa in pace''. ([[Angelo di Costanzo]])
 
==Altri progetti==
{{interprogetto|w|s=Autore:Vittoria Colonnaautore|commonscat}}
 
[[Categoria:Poeti italiani|Colonna, Vittoria]]