Differenze tra le versioni di "Thomas Hobbes"

→‎Leviatano: ordino per capitoli
(→‎Leviatano: qui occorre indicare il testo di riferimento, che manca; oppure sostituire con traduttore noto)
(→‎Leviatano: ordino per capitoli)
 
==''Leviatano''==
*Il [[Papa|Papato]] non è altro che lo spettro del defunto impero romano assiso sulla sua tomba con corona in mano. (IV, 47){{da controllare|traduttore?}}
*Il privilegio dell'assurdità, a cui nessuna creatura vivente è soggetta, tranne l'uomo. (I, 5)
:''The priviledge of absurdity; to which no living creature is subject but man only''.
*L'esaltazione degli antichi scrittori procede non dalla reverenza per i morti, ma dallo spirito di rivalità e dalla reciproca [[invidia]] dei vivi.{{da controllare|traduttore?}}{{da controllare|capitolo?}}
*Senza [[spada]] i patti non sono che parole. (II, 17){{da controllare|traduttore?}}
*L'autorità, non la verità, fa la legge. (II, 26)
:''Auctoritas non veritas facit legem.''
*La [[guerra]] non consiste solo in battaglie o in atti di combattimento, ma di un periodo di tempo, in cui la volontà di contendere in battaglia è abbastanza nota. (parte I, XIII, traduzione italiana di M. Vinciguerra, Laterza, Roma-Bari, 1974, pag. 109)
*Le due [[virtù]] cardinali in guerra sono la [[forza]] e la frode. (I, 13)
*Nella [[vita]] primitiva non vi è la presenza dell'[[arte]]; alcuna società costituita; e ciò che è peggio, la paura continua, il pericolo di una [[morte]] violenta; la vita dell'uomo è confinata nella solitudine, nella povertà, nella sporcizia, nella brutalità e infine la durata della vita è alquanto breve. (parte I, XIII){{da controllare|traduttore?}}
*L'errore di un uomo non diventa la sua legge, né lo obbliga a persistere in esso. (parte II, XVI){{da controllare|traduttore?}}
*Senza [[spada]] i patti non sono che parole. (II, 17){{da controllare|traduttore?}}
*L'autorità, non la verità, fa la legge. (II, 26){{da controllare|traduttore?}}
:''Auctoritas non veritas facit legem.''
*Il [[Papa|Papato]] non è altro che lo spettro del defunto impero romano assiso sulla sua tomba con corona in mano. (IV, 47){{da controllare|traduttore?}}
*L'esaltazione degli antichi scrittori procede non dalla reverenza per i morti, ma dallo spirito di rivalità e dalla reciproca [[invidia]] dei vivi.{{da controllare|traduttore?}}{{da controllare|capitolo?}}
 
==Note==
28 288

contributi