Differenze tra le versioni di "Denis Diderot"

1 633 byte rimossi ,  8 anni fa
+1, senza fonti in disc.
m (r2.7.3) (Bot: Aggiungo sv:Denis Diderot)
(+1, senza fonti in disc.)
*Se la ragione ci è stata donata dal Cielo, proprio come la fede, allora il Cielo ci ha offerto due doni incompatibili e contraddittorî. (dall'''Aggiunta ai Pensieri filosofici'', 1762)
*Se un misantropo si fosse proposto di fare l'infelicità del genere umano, che avrebbe potuto inventare di meglio che la credenza in un essere incomprensibile, sul quale gli uomini non avrebbero potuto mai mettersi d'accordo e al quale avrebbero attribuito maggior importanza che alla loro stessa vita? (da ''L'uomo e la morale'', a cura di V. Barba, Editore Edizioni Studio Tesi, 1991, p. 88)<ref>[http://books.google.it/books?id=yKAp3P-b9fsC&dq=se+un+misantropo+infelicit%C3%A0+diderot&q=misantropo#v=onepage&q=&f=false Visibile su ''Google Books'']</ref>
*{{NDR|Su [[Ipazia]]}} Tutte le conoscenze accessibili allo spirito umano, riunite in questa donna dall'eloquenza incantatrice, ne fecero un fenomeno sorprendente, e non dico tanto per il popolo, che si meraviglia di tutto, quanto per i filosofi stessi, che è difficile stupire.<ref>Dall'''Encyclopédie''; citato in [[Silvia Ronchey]], ''Ipazia: La vera storia'', Rizzoli, Milano, 2010, p. 19. ISBN 978-88-17-04565-0</ref>
*Un'ipotesi non è un fatto. (da ''Dell'interpretazione della natura'')
*[...] valorosi americani, che hanno preferito vedere oltraggiare le loro donne, trucidare i loro figli, distruggere le loro case, devastare i loro campi, incendiare le loro città, e che hanno preferito versare il loro sangue e morire, piuttosto di perdere la minima parte della loro libertà. (1987, lib. II, 5 74, pp. 327-28; citato in Losurdo 2005, p. 133)
 
===Senza fonte===
{{senza fonte}}
 
*Con la [[virtù]] si fanno solo opere fredde. Sono la passione e il vizio ad animarle.
*Dal [[fanatismo]] alla barbarie c'è solo un passo.
*Esiste solo una [[passione]], la passione per la [[felicità]].
*Fare il proprio dovere in qualche modo, parlare sempre bene del Priore e lasciare che il mondo vada come gli pare.
*Ho visto spesso un attore ridere fuori dal palcoscenico, ma non ricordo di averne mai visto piangere uno.
*I filosofi non hanno mai ucciso alcun prete, invece questi ultimi hanno condannato e ucciso molti grandi filosofi.
*Il [[mondo]] ha un bell'invecchiare: non cambia. Può darsi che l'individuo si perfezioni, ma la moltitudine dell'umanità non diventa né migliore né peggiore.
*L'[[amore]] toglie acutezza di spirito a chi ne ha e ne da a chi non la possiede.
*L'[[ignoranza]] è meno lontana dalla [[verità]] del [[pregiudizio]].
*L'uomo si crede savio quando la sua pazzia sonnecchia.
*La [[superstizione]] immagina le cose più stravaganti e grossolane, piuttosto che restare a riposo.
*La battuta spiritosa viene in mente solo dopo, quando già si scendono le scale.
*Lascio che i pensieri si succedano sotto la penna nello stesso ordine in cui i temi si sono presentati alla mia riflessione: così potranno rappresentare meglio i moti e il cammino della mia mente.
*Le [[donna|donne]] troppo virtuose hanno in sé qualcosa che non è mai [[castità|casto]].
*Non avremo mai uno sviluppo scientifico e tecnico finché tutti gli artigiani tengono i loro segreti.
*Non basta fare il bene, bisogna anche farlo bene.
*Non c'è mai stato dolore più grande che un'ora di lettura non sia riuscita a placare.
*Per giudicare rettamente una produzione artistica, non bisogna riferirsi ad un'altra produzione artistica.
*Quando si scrive delle donne, bisogna intingere la penna nell'arcobaleno e asciugare la pagina con la polvere delle ali delle farfalle.
*Si dice che il [[desiderio]] è il prodotto della volontà, ma in realtà è vero il contrario: la volontà è il prodotto del desiderio.
 
==''Pensieri filosofici''==