Popolo: differenze tra le versioni

978 byte rimossi ,  10 anni fa
sposto in plebe
(+1)
(sposto in plebe)
*''Ben io ti dico, che mia [[patria]] è quella | Che nel popolo sta''. ([[Vincenzo Monti]])
*Come fare di un popolo il [[padrone]] di se stesso, se non è sottomesso a [[Dio]]? ([[Alexis de Tocqueville]])
*Come il popolo è l'asino: utile, paziente e bastonato. ([[Francesco Domenico Guerrazzi]])
*''È la plebe romana una tal belva | Che, come manco il pensi, apre gli artigli, | E inferocita ciecamente sbrana | Del par chi l'accarezza, e chi l'offende. | Oggi t'adora, e dimani t'uccide, | Per tornar poscia ad onorarti estinto. ([[Vincenzo Monti]])
*Gli amori della moltitudine sono brevi ed infausti; giudica, più che dall'intento, dalla fortuna; chiama virtù il delitto utile, e scelleraggine l'onestà che le pare dannosa; e per avere i suoi plausi conviene o atterrirla, o ingrassarla, e ingannarla sempre. ([[Ugo Foscolo]])
*Guai al popolo che per la [[speranza]] di una grandezza impossibile o per semplice disperazione giunge a considerare il suo «Capo» come un essere provvidenziale e sacro, dotato di un [[potere]] magico e di un'onnipotenza miracolosa. Di sacro non c'è altro che il [[diritto]] [[Natura|naturale]] della persona umana. ([[Karl Jaspers]])
*Guai se la plebe comincia a gustare il sangue! È un ubbriaco che più beve, più desidera il vino. ([[Cesare Cantù]])
*Il giudizio della coltura d'un popolo, riferito alle diverse epoche della sua storia, non dipende già dal catalogo de' suoi dotti, ma dalla conoscenza del gusto o sia della tempera che le facoltà dell'animo hanno preso ne' diversi gradi del diloro sviluppo. ([[David Winspeare]])
*Il più importante di tutti è il popolo, poi viene lo Stato: l'imperatore è quello che conta meno. ([[Mencio]])
*''Perché la [[colpa]] de' regnanti, o Padre, | Negli innocenti popoli è punita?'' ([[Vincenzo Monti]])
*''Popolo ingiusto è popolo [[Tirannia|tiranno]]; Ed io l'amore de' tiranni abborro''. ([[Vincenzo Monti]])
*Tripudia, esulta, sfogati, | Stolida plebe, generata in seno | Alla [[paura]]: imparerai tra poco | A tacer''. ([[Vincenzo Monti]])
*Un grande popolo è veramente tale se considera sacri i suoi impegni e se non evade dalle prove supreme che determinano il corso della storia. ([[Benito Mussolini]])
 
==[[Proverbi italiani]]==
*Chi dipende dalla plebe deve essere incudine o martello.
*Chi serve alla plebe si è scelto un cattivo [[padrone]].
*Chi vuol piacere alla plebe, deve farsi uguale ad essa.
*Dove c'è popolo, è confusione.
*È meglio aver a che fare con gli orsi, che con una plebaglia scatenata.
*Guardati da furor di popolo.
*Il popolo è una palla, che va dov'è spinta.
*Il popolo, il [[fuoco]] e l'[[acqua]] non si possono domare.
*La miglior cautela di un popolo libero è di non credere ad alcun tiranno.
*La plebe cerca sempre [[novità]].
*La plebe vuol sempre mettere le mani in pasta per fare il pane a modo suo.
*Nel diritto, nel trono e nel lavoro sta la forza del popolo.
*Non disprezzare mai la voce del popolo: esso è in molti, e tu sei solo.
*Non è degno di lode chi adula la plebe.
*Non v'è bestia più pazza della plebe.
*Odio di popolo, vetro tagliente; favor di popolo, [[nebbia]] evanescente.
*Ogni popolo ha la sua canzone.
*Pane e feste tengono il popolo quieto.
*Piacere ai savi e alla plebe è impossibile.
*Voce di popolo, voce di [[Dio]].
 
==Voci correlate==
*[[Gente]]
*[[Massa]]
*[[Nazione]]
*[[Plebe]]
 
==Altri progetti==