Diritto: differenze tra le versioni

78 byte aggiunti ,  10 anni fa
Tito Livio
m (Automa: sistemo automaticamente alcuni degli errori comuni...)
(Tito Livio)
*Dacché siete i più forti, correte poco rischio di vivere ''ex lege'' alla maniera dei Ciclopi. Ma confessare il diritto e contro il diritto procedere, non è conceduto a nessuno; e parlavano meglio quegli [[Atene|Ateniesi]] che alle querele dei [[Mileto|Milesi]] rispondevano senza sturbarsi : il diritto è cosa pei deboli e non già pei forti e pei valorosi. ([[Terenzio Mamiani]])
*Dove manca la forza, il diritto scompare. ([[Maurice Barres]])
*Esiste un diritto di guerra come esiste un diritto di pace. ([[Tito Livio]])
*Il diritto che ha l'uomo di disporre della vita e delle forze degli [[animali]] ha il suo proprio fondamento sul fatto che a mano a mano che la coscienza si accresce in chiarezza, si accresce in proporzione anche il dolore [...] In base a tutto ciò si determina in pari tempo il grado in cui l'uomo può senza ingiustizia usufruire delle forze animali; questo limite viene troppo spesso infranto, specialmente riguardo alle bestie da soma e ai cani da [[caccia]]; quindi, a reprimer tale abuso, si sono istituite apposite società protettrici degli animali. A parer mio, il diritto dell'uomo non è neppure tale da autorizzare le [[vivisezione|vivisezioni]] in genere; tanto meno, se si tratti di animali superiori. ([[Arthur Schopenhauer]])
*Il diritto di punire il [[tiranno]] e il diritto di detronizzarlo sono proprio la stessa cosa: l'uno comporta le stesse formalità dell'altro. ([[Maximilien de Robespierre]])