Differenze tra le versioni di "Jim Courier"

385 byte aggiunti ,  8 anni fa
+1
(+1)
(+1)
== Citazioni su Jim Courier ==
* Ecco, in Courier c'è quel mix di presunzione ed umiltà che l'hanno aiutato a trasformarsi da ottimo giocatore in campione. È convinto di poter battere tutti, su ogni superficie, ma non sottovaluta mai nessuno. Gli altri parlano come lui ma non ne sono altrettanto convinti. E lavorano di meno. Per questo Jim Courier è il n. 1 del mondo, con buona pace degli esteti che simpatizzano per tennisti dai tocchi magari più raffinati dimenticando che oggi per primeggiare bisogna avere anche grande continuità di risultati. Come Courier, appunto. ([[Ubaldo Scanagatta]])
* Jim Courier, ex n. 1 ma ora in fase calante, e qui solo decima testa di serie, 153 in tv assomiglia a Howdy Doody con un cappello in testa, ma qui si rivela essere un ragazzone – la «Guide Média» gli attribuisce un peso di 79 kg, ma lui lo supera di gran lunga, e ha muscoli lunghi e lisci e l'andatura e l'espressione di un guardaspalle della mafia. ([[David Foster Wallace]])
* Meno male che doveva essere un numero uno del mondo di transizione. Lo hanno detto, e scritto in tanti, fin da quando Jim Courier spodestò [[Stefan Edberg]] dal trono del tennis, ma lui, questo ragazzone dai capelli rossi e dalla carnagione lattiginosa coperta di efelidi, è un tipo troppo solido, come il suo tennis del resto, per lasciarsi impressionare. E così continua a vincere torneo dopo torneo e ad aumentare il suo distacco nei confronti di chi, si chiami Edberg, [[Boris Becker|Becker]], [[Pete Sampras|Sampras]] o [[Michael Stich|Stich]], sembra avere tanta più classe di lui e invece ha forse soltanto più stile. ([[Ubaldo Scanagatta]])
* Sembravo [[Gabriela Sabatini]], stavo dieci metri oltre la linea di fondo, mentre lui picchiava e vinceva con la sua forza mentale che è il doppio di quella di tutti noi tennisti mortali: quando lo affronti ti mette sotto pressione subito, non sai come prenderlo e poi servivo malissimo. Non ero io in campo e non so dire chi fosse. ([[Goran Ivanišević]])