Differenze tra le versioni di "Arthur Rimbaud"

→‎Lettere: come dal testo di Grange Fiori; ma anche in Margoni: http://books.google.it/books?id=oljyOpjXJ4AC&pg=PA140&dq=je+est+una+autre+margoni+demeny&hl=it&sa=X&ei=Vc2NT-ynL4GVOqWnieUK&ved=0CDIQ6AEwAA#v=onepage&q&f=false
(→‎Lettere: come dal testo di Grange Fiori; ma anche in Margoni: http://books.google.it/books?id=oljyOpjXJ4AC&pg=PA140&dq=je+est+una+autre+margoni+demeny&hl=it&sa=X&ei=Vc2NT-ynL4GVOqWnieUK&ved=0CDIQ6AEwAA#v=onepage&q&f=false)
*Caro Signore,<br />quel che lei mi consigliava di non fare, l'ho fatto: sono venuto a Parigi, ho abbandonato la casa materna! Ho combinato questo bello scherzo il 29 Agosto.<br />Arrestato all'arrivo perché non avevo un soldo [...] (''a Georges Izambard''; Parigi, 5 Settembre 1870)<ref name=OpGran/>
*È falso dire: Io [[pensiero|penso]]: si dovrebbe dire io sono pensato. – Scusi il gioco di parole.<br />[[Io|IO]] è un altro. (''a Georges Izambard''; Charleville, 13 Maggio 1871)<ref name=OpGran/>
:''JE est un autre.''<ref name=OpGran/>
:''Je est un autre.''<ref>Si veda nota successiva, [http://www.google.it/search?num=100&hl=it&safe=off&tbo=1&tbm=bks&q=%22Je+est+un+autre%22+%22Georges+Izambard%22+%22Paul+Demeny%22 come verificabile] su Google libri.</ref>
*Chiuso perpetuamente in questa inqualificabile contrada ardennese, senza frequentare un solo uomo, raccolto in un lavoro infame, inetto, ostinato, misterioso, rispondendo col silenzio alle domande, alle apostrofi grossolane e cattive, mostrandomi dignitoso nella mia posizione extra-legale, ho finito col provocare risoluzioni atroci, da parte d'una madre inflessibile quanto settantatré amministrazioni dai berretti di piombo. (''a Paul Demeny''; Charleville, 28 Agosto 1871)<ref name=OpGran/>
*Ho una sete, da far temere la cancrena: i fiumi arduani e belgi, le spelonche, ecco il mio rimpianto. (''a Ernst Delahye''; Parmerda, Giugno 1872)<ref name=OpGran/>
27 093

contributi