Differenze tra le versioni di "Jacques Maritain"

(→‎Piero Viotto: tolgo w link n on necessari)
 
===[[Piero Viotto]]===
*{{NDR|Per Maritain}} Il filosofo [[Cristianesimo|cristiano]] dimostra l'esistenza di [[Dio]] servendosi esclusivamente di argomenti razionali, anche se nella sua soggettività è rassicurato dalla fede. [[Maurice Blondel|Blondel]] invece ritiene che la [[fede]] sia strutturalmente necessaria al sapere filosofico come tale.
*Non si può comprendere la modernità del tomismo di Maritain senza il confronto con le altre correnti di pensiero da Henri Bergson|Bergson a Satre, da Heidegger a Theilhard de Chardin. Non si può valutare l'estetica di Jacques e la poetica di Raïssa senza avere presente la loro amicizia con Cocteau e Reverdy, con Bernanos e J. Green, con Rouault e Chagall. Non si può cogliere il significato del messaggio della filosofia politica maritainiana, che vuole raccordare cristianesimo e democrazia, se non passando attraverso le polemiche che hanno suscitato ''Umanesimo integrale'' e ''L'uomo e lo Stato'', che si sono risolte solo nei documenti conciliari e nella pastorale pontificia da Giovanni XXIII a Paolo VI.
*Per Maritain l'esperienza della [[fede]] non esclude l'autonomia della [[filosofia]], in quanto non si tratta di «credere di credere», come direbbe oggi [[Gianni Vattimo]], ma di «vedere di dover credere», come insegna [[Tommaso d'Aquino|San Tommaso]].
 
12 407

contributi