Differenze tra le versioni di "Critica"

77 byte aggiunti ,  8 anni fa
Mao Tse-tung, fix link
m (r2.7.2+) (Bot: Aggiungo uk:Критика)
(Mao Tse-tung, fix link)
*La critica è indulgente coi corvi e si accanisce con le colombe. ([[Giovenale]])
*La critica è una spazzola che non si può usare sulle stoffe leggere, dove porterebbe via tutto. ([[Honoré de Balzac]])
*La critica non ha mai rivelato un grande [[scrittore]] o autore drammatico ai suoi primi passi e ha sempre soltanto cercato di demolirlo quando lo vedeva circondato dal favore del [[pubblico]]. Salvo poi a [[Prostituzione|prostituirsi]] in salamelecchi ufficiali quando lo scrittore era ormai una [[gloria]] certa. ([[Mario Mariani]])
*La critica salutare, ben informata ed equilibrata è l'ozono della vita pubblica. ([[Mahatma Gandhi]])
*La critica va fatta a tempo; bisogna disfarsi del brutto vizio di criticare dopo. ([[Mao Tse-tung]])
*La gente ti chiede una critica, ma in realtà vuole solo una lode. ([[William Somerset Maugham]])
*Noi non neghiamo alla critica i suoi diritti, né rimproveriamo al genio dei giovani il suo istinto di emancipazione e di novità. Ma riteniamo non degno di giovani il decadentismo iconoclasta e privo di amore dei contestatori di mestiere. ([[Papa Paolo VI]])
*Non ho mai pensato che l'operazione letteraria sia divisibile in tanti "riquadri" e scomparti quanti sono la critica, la saggistica, la narrativa, la poesia, ecc. Se un [[critico]] non è anche un "narratore", mi chiedo che senso abbia la sua funzione di interprete. ([[Giacinto Spagnoletti]])
*Per molti versi la professione del critico è facile: rischiamo molto poco pur approfittando del grande potere che abbiamo su coloro che sottopongono il proprio lavoro al nostro giudizio. Prosperiamo grazie alle recensioni negative che sono uno spasso da scrivere e da leggere. Ma la triste realtà a cui ci dobbiamo rassegnare è che nel grande disegno delle cose, anche l'opera più mediocre ha molta più anima del nostro giudizio che la definisce tale. (''[[Ratatouille]]'')
*Quale è il vero critico se non colui che porta in sé i sogni e le idee e i sentimenti di miriadi di generazioni, e a cui nessuna forma di pensiero è estranea, nessun impulso di emozioni oscuro? ([[Oscar Wilde]])