Differenze tra le versioni di "Luigi Alamanni"

+citazione, +nota
(pda)
(+citazione, +nota)
 
*''Le cose [[divieto|vietate]] fan crescere la voglia''. (da ''Flora'')
*{{NDR|A proposito di [[Germania]] ed [[Austria]]}} ''L'Aquila grifagna | Che per più divorar due becchi porta''<ref>Ma nell'egloga ''Admeto Secondo'' la frase è: ''L'uccel di Giove | Che per più divorar due bocche porta''. Citato in [[Giuseppe Fumagalli]], ''[[s:Indice:Chi l'ha detto.djvu|Chi l'ha detto?]]'', Hoepli, 1921, p. 330.</ref>. (in ''Versi e prose di Luigi Alamanni, per cura di Pietro Raffaelli'', vol. I, Firenze, 1859, pag. XXVIII)
 
==''Versi e prose''==
*''Com' è duro, ad altrui mostrando fuore Sereno il volto, aver tristizia e noia, E ne' sembianti riso, e pianto al core!'' (da ''Elegia'' – Protesta l'amore alla sua donna quantunque crudele, p. 10)
*''Chè dunque indarno la mia lingua intende | A dolersi di lei, quantunque ognora | Sol di false lusinghe il core incende? | Come vorrei per fin che vien l' aurora, | Cintia, con voi restar la notte intera, | Né poi partirmi tutto 'l giorno ancora!'' (da ''Elegia'' – Protesta l'amore alla sua donna quantunque crudele, p. 11)
 
==Note==
<references />
 
==Bibliografia==
*Luigi Alamanni, ''Versi e prose'', Felice Le Monnier, Firenze 1859
26 785

contributi