Differenze tra le versioni di "Maria Stuarda"

+citazione, corretto ordine alfabetico
(+citazione, corretto ordine alfabetico)
'''Mary Stuart''', italianizzata in '''Maria Stuarda''' (1542 – 1587) fu regina di Scozia, Francia e d'Inghilterra (per i legittimisti cattolici).
 
== Citazioni di Maria Stuarda ==
*Addio [[Francia]]! Addio Francia! Io penso che non ti rivedrò mai più. (in Brantôme, ''Vies des dames illustres'', disc. III)
*Questa mercante fiorentina. {{NDR|Sulla suocera, [[Caterina de' Medici]]}}<ref>Citato in Jean Orieux, ''Caterina de' Medici: Un'italiana sul trono di Francia'', p. 206.</ref>
:''Adieu, la France! Adieu, la France! je pense ne vous voir jamais plus''.
*Come, la vostra signora non sa che sono nata regina? Crede che umilierò la mia posizione, il mio stato, la famiglia da cui provengo, il figlio che mi succederà, i re e i principi stranieri i cui diritti vengono calpestati nella mia persona, accettando un simile invito? No! Mai! Per quanto possa sembrare piegata, il mio cuore è saldo e non si sottoporrà a nessuna umiliazione. {{NDR|Parole rivolte agli ambasciatori inglesi l'11 ottobre 1586}}<ref>Citato in Stefan Zweig, ''Maria Stuarda: La rivale di Elisabetta I d'Inghilterra'', p. 338.</ref>
*Colui che non mantiene fede quando è dovuta, difficilmente potrà ottenerla quando non è dovuta . {{NDR|Maria avvertiva il fratellastro e reggente Moray che se il popolo si era ribellato a lei, nata regina, avrebbe probabilmente fatto lo stesso con lui, un bastardo}}<ref>Citato in Antonia Fraser, ''Maria Stuart: La tragedia di una regina'', p. 385.</ref>
*Dolce Gesù. {{NDR|Le sue ultime parole pronunciate quando il boia sbagliò il colpo e la ferì sulla nuca}}<ref name=fraser/>
*''En ma Fin gît mon Commencement'' (Nella mia fine è il mio principio). {{NDR|Motto ricamato durante la prigionia}}<ref>Citato in Antonia Fraser, ''Maria Stuart: La tragedia di una regina'', p. 454.</ref>
*Come, la vostra signora non sa che sono nata regina? Crede che umilierò la mia posizione, il mio stato, la famiglia da cui provengo, il figlio che mi succederà, i re e i principi stranieri i cui diritti vengono calpestati nella mia persona, accettando un simile invito? No! Mai! Per quanto possa sembrare piegata, il mio cuore è saldo e non si sottoporrà a nessuna umiliazione. {{NDR|Parole rivolte agli ambasciatori inglesi l'11 ottobre 1586}}<ref>Citato in Stefan Zweig, ''Maria Stuarda: La rivale di Elisabetta I d'Inghilterra'', p. 338.</ref>
*Guardate nelle vostre coscienze e ricordate che il teatro del mondo è più vasto del regno d'Inghilterra. {{NDR|Parole rivolte agli ambasciatori inglesi il 12 ottobre 1586}}<ref>Citato in Antonia Fraser, ''Maria Stuart: La tragedia di una regina'', p. 556.</ref>
*In manus tuas, Domine, commendo spiritum meum. {{NDR|Preghiera latina che pronunciò sul patibolo}}<ref name=fraser>Citato in Antonia Fraser, ''Maria Stuart: La tragedia di una regina'', p. 591.</ref>
*Miei signori e gentiluomini, io pongo la mia causa nelle mani di Dio. {{NDR|Ultime parole rivolte ai giudici il 16 ottobre 1586}}<ref>Citato in Antonia Fraser, ''Maria Stuart: La tragedia di una regina'', p. 565.</ref>
*Vi perdono con tutto il mio cuore, perché ora io spero che porrete fine a tutte le mie angustie. {{NDR|Parole rivolte al boia, prima di essere decapitata, l'8 febbraio 1587}}<ref>Citato in Antonia Fraser, ''Maria Stuart: La tragedia di una regina'', p. 590.</ref>
*InQuesta manusmercante tuas, Domine, commendo spiritum meumfiorentina. {{NDR|PreghieraSulla latinasuocera, che[[Caterina pronunciò sulde' patiboloMedici]]}}<ref name=fraser>Citato in AntoniaJean FraserOrieux, ''MariaCaterina Stuartde' Medici: LaUn'italiana tragediasul ditrono unadi reginaFrancia'', p. 591206.</ref>
*Dolce Gesù. {{NDR|Le sue ultime parole pronunciate quando il boia sbagliò il colpo e la ferì sulla nuca}}<ref name=fraser/>
 
== Note ==
<references/>
 
== Bibliografia ==
* Antonia Fraser, ''Maria Stuart: La tragedia di una regina'', Mondadori, Milano, 1996. ISBN 8804413328
* Jean Orieux, ''Caterina de' Medici: Un'italiana sul trono di Francia'', Mondadori, Milano, 1988. ISBN 8804304642
* Stefan Zweig, ''Maria Stuarda: La rivale di Elisabetta I d'Inghilterra'', Bompiani, Milano, 2001. ISBN 8845291162
 
==Voci correlate==
*''[[Elizabeth: The Golden Age]]'' – film 2007
 
== Altri progetti ==
{{interprogetto|w|commons}}
 
26 785

contributi