Differenze tra le versioni di "Brancaleone alle crociate"

*{{NDR|Brancaleone rimane interdetto a sentire la voce della Morte, e spaventato si volta. Ai suoi occhi appare sulla cima di un dirupo la figura stereotipata della Morte: uno scheletro ravvolto in un mantello nero con tanto di falce. Essa si rivolge all'eroe con un leggero accento fiorentino}}</br> '''Brancaleone''': Chi è? Chi sie?</br> '''Morte''': Son la tua morte! Non mi chiamasti?</br> '''Brancaleone''': I-io?</br> '''Morte''': Sì. Fosti tu a invocarmi!</br> '''Brancaleone''': Ah, aah sì... parole che sfuggono, nell'empito dei sentimenti... e che si sape mai furon prese a serietà.</br> '''Morte''': D'ora innante lo saranno. Preparat'a morire!</br> '''Brancaleone''': Lo come? In sull'istante?</br> '''Morte''': {{NDR|ridendo}} Oh che s'aspetta... io ci sono, tu ci sei... Ti fo scegliere: un coccolone? Peste improvvisa? Verniculite? Ovvero un fulminante disciogliersi de il corpo?</br> '''Brancaleone''': {{NDR|ridendo sprezzante}} Le misere proposte! Brancaleone da Norcia debbe aversi morte gloriosa, con l'arme in pugno et per causa iusta! Eh questo mi spetta: son cavaliere!</br> '''Morte''': Come tu vvoi... t'hai tempo le sette lune, trascorse le quali io verrò a ti pigliare dove umque et come umque!</br> '''Brancaleone''': Sette lune?! Mi basta l'arco d'un sol iorno per trovare la mia degna morte!</br> '''Morte''': Quand'è così, voglio aiutarti. Le cinque miglia di qui, il loco detto "Ponterragno", stassi per compiere uno delitto contra uno innocente. Tu tenta a salvarlo, et avrai così gloriosa morte. Io là sarò, tra minuti diece. Procedimi!</br> '''Brancaleone''': Diece minuti col caval mio Aquilante? Facimo in fra un'oretta, et ivi sarai mia! Birba a chi manca!</br> '''Morte''': Birba!
 
*{{NDR|Brancaleone prende in braccio il bambino che Thorz stava per uccidere prima del loro scontro}}</br> '''Brancaleone''': Alemanno! Ma codesto fantino così ravvolto in ricchi panni, a chi è figlio? Eh? E tu? Non a chi tu sei figlio che ben potemo immaginare chi pote essere tua madre, ma di chi tu si 'l scherano?<br /> '''Thorz''': {{NDR|parlando in quella che sembra una lingua germanica}} Sone mein name ist Thorz. E keinde Mondo. Und tuzzun fuzzun kunz! <br /> '''Panigotto''': Dise che lui se ciama Thorz. Il fantolin l'è fiol de Boemondo re normanno de Sicilia, da due anni in Terra Santa a combatter li infedeli. Profitando de che lo fradello minor de Boemondo, Princeturoneprince Turone, mira a ciaparse lo regno, ecco perché dona molto dinaro all'alemanno per copare {{NDR|uccidere}} lo nipotino Childerico, erede del trono.<br /> '''Rozzone''': Tanta robba ha diciuto? <br /> '''Panigotto''': E quasi, sa: mi g'ho riassunto, ecco.
 
*{{NDR|Brancaleone ed i suoi incontrano un uomo intento a punirsi, spingendo un pesante ceppo legato ad un ramo e ricevendolo poi in caduta in pieno petto.}}</br> '''Brancaleone''': O tu che a codesto modo di te fai strazio, dinci chi tu sie e lo perché ti lanci.</br> '''Pattume''': Per mi punire.</br> '''Brancaleone''': E quali furono le peccata tua per ti punire con cotal furore?</br> '''Pattume''': Uno. Uno solo. Ma lo più orrendo et abominevole che voi possiate mai immaginare! Pensatelo... L'avete voi pensato?</br> '''Brancaleone''': Beh, sì.</br> '''Pattume''': Bene, eheheh. Issi tutti, petto allo meo, potrìano essere opere di bene.</br> '''Rozzone''': Alle facce! Hai tu strippato lo fradeio tuo come Caino?</br> {{NDR|Pattume nega ridendo a tutte le domande}}</br> '''Panigotto''': Hai tu sputassato nell'acqua santiera?</br> '''Cieco''': O puramente che ti sei accuccato con tua madre istessa?</br> {{NDR|Quest'ultima domanda scandalizza tutti i presenti, ma Pattume continua a negare e a ridere. All'improvviso diventa serissimo}}</br> '''Pattume''': Taluno, cui sofflai nell'orecchio lo peccato meo, perse lo senno, se ne fuggì ululando e ancor si fugge! Et pertanto l'Inferno che m'attende non have strazi bastevoli per me, et però {{NDR|perciò}} rincaro da me stesso la dose in attesa della Morte che ben sì venga!</br> {{NDR|Brancaleone scatta terrorizzato al sentire il nome della Morte}}</br> '''Brancaleone''': Shhh shh shhhhh, non facemo nomi! {{NDR|Battendo in testa a Pattume la lancia}}</br> '''Pattume''': Ancora, che bello male, grazie!
*{{NDR|Pattume ricomincia a gettarsi sull'anacoreta gridandogli nell'orecchio; l'eremita tenta invano di scrollarselo di dosso}}</br> '''Pattume''': Pater!</br> '''Pantaleo''': {{NDR|spaventato}} Stai ita! </br> '''Pattume''': Pater, Pater! Io son qui veniuto per mi confessare lo meo grande peccato perocché tu solo fortificato dalli digiuni e dalle esotiche speculazioni ne potrai reggere botta tanto mai è esso orripilante! Paateeeer!!</br> '''Pantaleo''': Figlio, non mi pizziccare comsì! Face caldo! Lassame l'orecchio!</br> '''Pattume''': Romito dammi la 'recchia ché vi versi dentro la mia piramidale nequizia!</br> {{NDR|Finalmente Pantaleo allontana da sé il pover uomo}}</br> '''Pattume''': Te ne fo preghiera, Pater. Ti impetro.</br> {{NDR|Pattume con uno scatto d'ira getta un pugno sulla catasta di libri e si alza in piedi}}</br> Ossia te ne fo dovere! Romito, fatti umìle, di fronte allo umano peccato, ed in virtù de li poteri tui, ascolta, ed absolve, se puoi. Te lo impongo!</br> {{NDR|L'eremita rimane un attimo interdetto}}</br> '''Pantaleo''': È giusto. È giusto. ''Veni, filio!''</br> {{NDR|Pantaleo accoglie sotto la sua coperta Pattume che dall'interno di quel confessionale siffatto si sente bisbigliare nel descrivere il peccato all'anacoreta. Verso la fine del racconto le espressioni di Pantaleo passano dalla sufficienza all'incredulità, al rifiuto, al puro terrore}}</br> '''Pantaleo''': ''EH?! NO!''</br> '''Pattume''': E SÌÌÌ''!''</br> '''Pantaleo''': ''NOO!''</br> '''Pattume''': SÌÌÌ''!!''</br> '''Pantaleo''': ''NOOO!!''</br> '''Pattume''': SÌÌÌÌÌ''!!!''</br> '''Pantaleo''': ''NOOOOOOO!!!''</br> {{NDR|All'urlo di Pantaleo un terremoto scuote la caverna e un'enorme faglia si apre nel terreno: tutti scappano, mentre Pattume, ridendo, e Pantaleo, ancora ululante, finiscono inghiottiti nelle profondità della terra}}
 
*'''Brancaleone''': Oh!, Lolo quale amen?! Eh! Pastore... in primis sono homo avvezzo aduso allo ferro ma non allo foco... inIn secundis sono impuro! BordellatoreEeh... bordellatore insaziabile, beffeggiatore, crapulone, lesto di lengua e di spada, facile al gozzoviglio:... fuggo la verità e inseguo il vizio!<br/> '''PastorePapa''': Ego te absolvo, ed ora sei puro. Accipis?<br/> '''Brancaleone''': Accipio{{NDR|rassegnato}} ...accipio.
 
==Altri progetti==
402

contributi