Differenze tra le versioni di "Carlo Goldoni"

+citazione dal "Poeta fanatico"
m (fix link)
(+citazione dal "Poeta fanatico")
==Citazioni di Carlo Goldoni==
*Come l'[[appetito]] rende saporite le vivande! (da ''Le memorie'', a cura di Rosolino Guastalla, La Nuova Italia, 1933; attribuita anche a [[Paolo Mantegazza]])
*''Era di notte e non ci si vedea, | Perché Marfisa avea spento il lume. | Un rospo colla spada e la livrea | Faceva un minuetto in mezzo al fiume. | L'altro giorno è da me venuto Enea, | E m'ha portato un orinal di piume. | Cleopatra ha scorticato Marcantonio; | Le femmine son peggio del demonio''. (da ''Il poeta fanatico'', III, 7)
*Ero avvocato; ero stato presentato al tribunale: si trattava ora di trovare i clienti. Tutti i giorni andavo al palazzo per vedere arringare i maestri in quell'arte e, intanto, mi guardavo bene attorno, sperando che il mio aspetto potesse risultare gradevole a qualche difensore il quale decidesse così di affidarmi una causa in appello. Infatti un avvocato novello non può brillare e farsi onore nei tribunali di prima istanza; solo nelle corti superiori si può fare sfoggio della propria scienza, della propria eloquenza, della propria voce e della propria abilità: quattro mezzi tutti ugualmente necessari affinché un avvocato, a Venezia, sia di primo rango. (dalle ''Memorie'', Libro I, capitolo XXIV)
*[...] finalmente arrivammo a [[Udine]], che è la capitale del Friuli veneziano. [...] vi è nel castello di Udine una sala pel parlamento, nella quale gli stati si radunano, singolar privilegio che non esiste in nessun'altra provincia d'Italia... La città è bellissima, le chiese assai riccamente decorate... Vi è il pubblico passaggio nel mezzo della città, gradevoli sobborghi e dintorni deliziosi. (dalle ''Memorie'', cap. XV, 1787)
21 992

contributi