Differenze tra le versioni di "Enzo Striano"

m
Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".
m ({{da wikificare}})
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".)
«Meu Deus, que calor!» Lenor si levava all'[[alba]], estenuata. Nelle notti d'agosto, alla vecchia casa di Ripetta imposte semiaperte e dilagavano i miasmi: vapori di vino, erbe putride, urina, brulicanti dall'acqua marcia che infettava gli scalini melmosi nell'antico porto.
 
===[[ Citazioni]]===
*Si rappresenta ''Pulcinella-Werther'', una parodia del romanzo di Goethe. Pulcinella è servo d'un giovane padrone, innamorato fradicio d'una bella ragazza, però promessa ad un altro. Il giovanotto piange, proclama di volersi ammazzare. Straziato, Pulcinella gli fa eco: si torce, ulula. D'un tratto Werther decide di trascinar seco nella tomba il fedele servitore, Pulcinella piomba nella più nera angoscia. Le segue con attenzione, è la prima volta che vede [[Pulcinella]]. S'accorge presto che l'attore mascherato si muove, parla, gesticola secondo un preciso rituale. Quando cammina, ad es., i passetti silenziosi delle babbucce hanno ritmo striano. Rappresentano un discorso. (p. 231)
*Addio addio anche a te Vincenzo. Caro Vincenzo della mia giovinezza in questa cara città. Amore mio tu pure, ovunque ti trovi adesso. Speriamo che riesca a salvarti. (p. 402)
69 545

contributi