Differenze tra le versioni di "Giuseppe Moscati"

m
Automa assistito: Correzione semiautomatica punteggiatura e spazi.
(- link ingannevole)
m (Automa assistito: Correzione semiautomatica punteggiatura e spazi.)
*[[Amor di Dio|Amiamo Dio]] senza misura, senza misura nell'amore, senza misura nel dolore. (volume 2, pag. 35)
*Il vostro [[amore]], Gesù, mi volge non verso una sola creatura ma verso tutti gli esseri creati a vostra immagine e somiglianza. (volume 2, pag. 35)
*Vi ho visitato più come amico che come [[medico]]. (volume 2, pag 40)
*Vi auguro che con l'aiuto di [[Dio]], che è Primo Medico, vi guarirete subito. (volume 2, pag 41)
*Sono un cristiano e ricordo la massima della [[carità]]. (volume 2, pag 45)
*È mia abitudine di parlare agli infermi di cose oltre al corpo, perché essi hanno anche un'[[anima]], ma nel caso speciale, la cosidetta [[psicoanalisi]] è una cura; che cos'è la psicoanalisi? È la confessione fatta dal medico, per scardinare le idee fisse. (volume 2, pp 46-47)
*Del resto a questo mondo non si raccolgono che ingratitudini, e non bisogna meravigliarsi più di nulla. (volume 2, pag 46)
*Speriamo che [[Iddio]] vi doni la gioia della guarigione di vostro marito. E fate che costui non si allontani da [[Dio]] e frequenti la "fonte della salute" (la S. Comunione). (volume 2, pag 48)
*Sa benissimo che non sono venuto in casa sua con l'impaludamento del [[medico]], ma come un tale, un amico, il quale per avventura abbia avuto qualche cognizione dell'arte stregata della [[medicina]]. (volume 2, pag 50)
*Sentirete, nella vita, non l'abbandono, ma l'assistenza arcana dell'essere amato scomparso! (volume 2, pag 64)
*Al di sopra di beghe, pettegolezzi, livori, deve ispirarci la [[carità]] cristiana. (volume 2, pag 67)
*Voglio ancora una volta animare la vostra speranza, trasformandola in sicurezza: guarirete! [[Iddio]] poi vi domanderà conto della vita che vi donerà. E quando da qui a mille anni, comparirete alla Sua Presenza, voi dovrete saper rispondere: Signore ho compiuto bene la mia giornata! Ho operato per la maggior tua gloria! Dunque guarirete, ma pazienza ci vuole e tempo. Non dimenticate di alimentare l'[[anima]], nella S. Comunione, così come alimentate, ed è vostro imprenscindibile dovere, il corpo. (volume 2, pag 71)
*Chi non abbandona Dio, avrà sempre una guida nella vita, sicura e diritta. Non prevarranno deviazioni, tentazioni, passioni a smuovere colui che del lavoro e della [[scienza]] di cui l'initium est timor Domini, ha fatto il suo ideale. (volume 2, pag 73)
*Circa l'onorario, trattandosi, come mi dite, di un caso pietoso, io nulla desidero, tranne forse il rimborso del viaggio. Dopo la conoscenza del caso pietoso, io non prenderei soldi, nemmeno se mi tagliassero le mani. Ma per me il gran compenso è trascorrere una giornata fra amici lieti e simpatici. (volume 2, pag 76)
*La mia riuscita non significa [[vittoria]] mia, ma vittoria di tutto un partito di amici, stretti l'un l'altro. Oggi l'individuo non ha più alcuna probabilità di [[successo]], se non quando avrà compreso che deve fare parte di una catena, il suo merito consiste solo nel sapere scegliere la catena, di cui deve divenire un anello. (volume 2, pag 107)
*È possibile l'[[errore]], ma in Ospedale non dovrebbe avvenire. (volume 2, pag 113)
*Ahimè la nostra [[scienza]], se fosse tutta fredda e destinata solo a mantenere i minuti piaceri del corpo, a che cosa servirebbe? Sarebbe un'ancella del materialismo e dell'egoismo! E perciò per metterla al riparo di simile accusa, noi medici, in momenti supremi, ricordiamoci di avere di fronte a noi, oltre che un corpo, un'[[anima]], creatura di [[Dio]]. Vi garantisco che attraverso i miei diuturni studi compiuti, e le conoscenze dei vari popoli d'[[Europa]] e dei loro costumi, ho radicato sempre più la credenza dell'al di là; l'ingegno umano così possente, capace di manifestazioni di bellezza e di verità e di bene, non può essere che divino, e l'[[anima]] e il pensiero umano a [[Dio]] devono ritornare. (volume 2, pag 68)
 
==Bibliografia==
69 545

contributi