Scusate il ritardo: differenze tra le versioni

m
refuso; frase incomprensibile
m (refuso; frase incomprensibile)
 
* Senti Alfredo, cioè, nuje avimme pensato, tutte quante nuje, i figli, tutte quante accussì, avimme pensato, poiché venerdì è o' compleanno e' mammà, no? Non lo so, ce vulevemu fa' nu regalo, tutte quante insieme, no? E niente, avimm pensato e' ce fa a televisione, sta sempre annanz' a televisione, però tiene chille colori ca... a televisione fa nu pocu... e... niente, avimme pensato e ce fa tutte quante nuje, Patrizia e tutte cose, insieme metteveme 5.000 lire io, 5.000 lire Patrizia e nu milione e due tu... ('''Vincenzo''')
 
 
O'Napule sta perdendo co Cesena... a Napoli
 
==Dialoghi==
* '''Don Pietro''': Allora venite solo voi, signora Assunta?<br /> '''Assunta''': Per forza, don Pietro, chella Patrizia tene a criatura, a chi 'a lascia?<br /> '''Don Pietro''': E i giovanotti?<br /> '''Alfredo''': No, grazie padre, io parto.<br /> '''Don Pietro''': Vince'?<br /> '''Vincenzo''': Cioè, dove? Je nun sacciu niente...<br /> '''Assunta''': Come non sa niente, bugiardo! Je te l'aggiu ditt, a vedere la [[Maria|Madonna che piange]].<br /> '''Vincenzo''': M'è ditt' a me da Madonna che chiange? Ma quann mai!!<br /> '''Assunta''': A verità è che a te non ti smuovono nemmeno i miracoli!<br /> '''Don Pietro''': Eh no, non parliamo di miracoli, il vescovo non si è ancora pronunciato, e poi c'è la dichiarazione di un professore di Napoli il quale ha detto che le lacrime potrebbero essere la trasudazione del legno stesso avvenuta per un improvviso cambiamento di temperatura. <br /> '''Assunta''': E guarda a cumbinazione stu legno trasudava proprio al posto degli occhi [...] Ce vulesse parla' je cco sto professore.<br /> '''Don Pietro''': Va bene, poi si vedrà. Allora venite solo voi?<br /> '''Assunta''': Sì.<br /> '''Don Pietro''' Vince'?<br /> '''Vincenzo''': No padre, cioè l'ho detto già, non è per cattiveria che non voglio venì, è nu periodo che proprio non.. loro lo sanno. Mi sento abbattuto, triste, non lo so, nun c'ha facc a vedé altra gente che piange, veramente...<br /> '''Don Pietro''': Come gente? A' Madonna che è, gente?<br /> '''Vincenzo''': No, che c'entra, mica voglio dire che la Madonna è.. nun c'ha facc, è nu fatt mio, cioè so' io che sto così, e voglio vede' gente nu pocu cchiù... ca se fa... Sinceramente, se rideva ci venivo. <br /> '''Don Pietro''': Sì, la Madonna rideva!!<br /> '''Vincenzo''': Perché? Sempre miracolo è. Cioè na statua o ride o piange è nu miracolo. Però non lo so, pare che.. uno che va a vere' te miette... Non lo so, secondo me era meglio pure per voi, perché accussì o professore e' Napoli s'aveva sta' sulu zitto, perché il legno può trasudare mica può ridere. Si è mai visto un albero o una sedia che per improvviso cambiamento di temperatura "Ahahah", l'alberu cca seggia "Hai visto? È cambiato il tempo" No, perché è impossibile.
 
* '''Anna''': Mi piace fare l'amore con te. <br /> '''Vincenzo''': Anche a me. <br /> '''Anna''': E allora perché non me lo dici mai? <br /> '''Vincenzo''': Che significa? Se lo faccio, ca lo facciamo accussì, vuol dire che mi piace, no? <br /> '''Anna''': Eh no. <br /> '''Vincenzo''': Come no? No. È mai visto ca mi so' dato 'na martellata sulla mano o mi so' tagliato un orecchio? No. Sai perche? Perché non mi piace. È normale, Senza che uno ha da' dicere tutt'e cose. Certe cose vanno da se. Se uno capisce capisce.
 
== Altri progetti==