Differenze tra le versioni di "Adriano Panatta"

1 879 byte aggiunti ,  10 anni fa
nessun oggetto della modifica
*Sono sempre stato di sinistra ma non mi piacciono i fanatismi, gli eccessi ideologici. Alla fine mi risulta che [[Enrico Berlinguer]] ci avesse ripensato. E comunque io volevo andare e vincere. Il pubblico cileno fu straordinario, il migliore che abbia mai incontrato, ma l'aria era molto pesante, opprimente.<ref>Il riferimento è alla finale di Coppa Davis del 1976, poi vinta dall'Italia. Tale finale andava giocata nel Cile del dittatore Pinochet e la sinistra italiana pretendeva la rinuncia da parte della squadra azzurra. (da ''[http://archivio.panorama.it/home/articolo/idA020001037415 «Vi racconto il tennis, quello di ieri e quello di oggi»]'', ''Panorama'', 8 agosto 2006)</ref>
*Sono sempre stato un campione a modo mio. Oggi dilaga il divismo. Mi chiedo come fa uno che gioca a pallone o impugna una racchetta a sentirsi un fenomeno. Quando sento uno di questi parlare in terza persona m'incazzo. Hanno i body guard. [[Marija Šarapova|Maria Sharapova]] pensa di essere [[Greta Garbo]]. A parte [[Roger Federer]] e [[Rafael Nadal]] che sono due ragazzi eccezionali, gli altri sono tutti molto tristi e molto montati.<ref name=panorama/>
 
=== ''Borg vs. McEnroe. La più grande rivalità del tennis moderno'' ===
*Ma se davvero a una scelta, o a una classifica, non è possibile sottrarsi, allora suggerirei di abolire ogni discussione sul numero di successi, degli Slam o sulla lunghezza di questo o quel "governo" tennistico, per aprire una cartella e inserirvi dentro tutti i nomi degli innovatori, dunque quei tennisti inevitabilmente campioni, che hanno spinto il tennis verso il futuro. Sono loro i costruttori del nostro sport, e a loro, quando si discute di storia o di supremazia, occorre rifarsi per meglio comprendere ciò che è stato prima e ciò che è venuto dopo. (''Prefazione, p.5'')
*{{NDR|Su [[Björn Borg|Borg]]}} Un uomo di ghiaccio? Date retta, solo all'apparenza. In campo però era una macchina, però. Con quel suo tennis di rimbalzo, con quei pallonetti che prendevano velocità quando toccavano terra, ha finito per dare una nuova dimensione al campo. (''Prefazione, p.6'')
* [[John McEnroe|McEnroe]] è stato innovatore per motivi più sottili, eppure importanti, e ancora attuali. In un momento particolarissimo della crescita del nostro sport, nella tendenza generale a trasformarlo in un gioco di difesa, tra molti non geniali imitatori di Borg, spiegò a tutti come l'attacco fosse ancora uno spartito irrinunciabile e dette il "la" a quanti vennero dopo lui come [[Boris Becker|Becker]] e [[Michael Stich|Stich]], [[Stefan Edberg|Edberg]] e [[Pat Rafter|Rafter]]. John definì un concetto dell'anticipo ancora più grande di quello attuale: non solo i colpi, lui anticipava addirittura le geometrie dell'avversario. (''Prefazione, p.7'')
 
==Citazioni su Adriano Panatta==
==Note==
<references />
 
==Bibliografia==
* Malcolm Folley, ''Borg vs. McEnroe. La più grande rivalità del tennis moderno'', traduzione di Chiara Basso, Effepi Libri, 2006. ISBN 0-7553-1360-7 ([http://books.google.it/books?id=_ArUWRRxCuUC Anteprima su Google Books])
 
==Altri progetti==