Apri il menu principale

Modifiche

nessun oggetto della modifica
*Secondo me, l'uomo non [[Matrimonio|sposato]] o è come un cane affamato che si dimena, si affretta, si precipita da ogni parte e fa solamente sciocchezze, o è una scimmia depravata che ha perso ogni umanità. (cap. 4, p. 36)
*[...] sposarsi è per noi la prima cosa; e non a caso si dice: si è sposato, ed è cambiato. Dirò di più: si è sposato, ed è rinsavito; si è sposato, ed è sceso dalle nuvole; si è sposato, e si è calmato e rafforzato. Ci si forma uno sguardo completamente diverso sul mondo e sulle persone, il nostro animo diventa completamente diverso. Il [[Celibato|celibe]] è un uomo a metà, secondo un antico proverbio russo. (cap. 5, p. 37)
*[...] pensa soltanto com'è assurdo considerare peccato quello da cui siamo nati, quello che c'è di più sacro al mondo, che ti ha dato il respiro, la vita, che ha infuso in te la tua anima santa, divina. (cap. 5, p. 38)
*Di recente ho incontrato un [[Tolstoismo|tolstojano]] [...]. Loro, poveracci, credono a tal punto ai loro idoli che è semplicemente un peccato confutarli. (cap. 7, p. 57)
*Ed ecco l'[[Occidente]], il corrotto Occidente [...] mi ha salvato dalla nebbia russa che mi ottundeva la testa e mi ha insegnato la vera capacità di ragionamento. Se avessi vissuto in Russia cento anni, non avrei appreso quello che ho appreso in un solo mese all'estero. La prima cosa che ho appreso è che non bisogna ragionare, ma fare. (cap. 7, p. 58)
 
==Bibliografia==