J. D. Salinger: differenze tra le versioni

(Ho modificato l'ultima parola della 15° citazione. Ho controllato nel mio libro e ho visto che era sbagliato.)
*Io sono il più fenomenale bugiardo che abbiate mai incontrato in vita vostra. È spaventoso. Perfino se vado in edicola a comprare il giornale, e qualcuno mi domanda che cosa faccio, come niente gli dico che sto andando all'opera. È terribile. (capitolo III)
*Quelli che mi lasciano proprio senza fiato sono i libri che quando li hai finiti di leggere e tutto quel che segue vorresti che l'autore fosse tuo amico per la pelle e poterlo chiamare al telefono tutte le volte che ti gira. (capitolo III)
*SiCiò riconosceche distingue unl' [[uomo]] stoltoimmaturo dal fattoè che è pronto avuole [[morte|morire]] nobilmente per una causa., Simentre riconosceciò unche distingue l'uomo saggiomaturo dal fattoè che èvuole pronto aumilmente vivere umilmente per una causaessa.
* Il guaio, con le ragazze, è che se gli piace un ragazzo può essere il più gran bastardo dell'universo, ma loro dicono che ha il complesso d'inferiorità e se non gli piace, può essere simpaticissimo e avere il più grande complesso d'inferiorità del mondo, loro dicono che è presuntuoso. Perfino le ragazze più in gamba fanno così. (capitolo XVIII)
*Ad ogni modo, sono quasi contento che abbiano inventato la bomba atomica. Se c'è un'altra guerra, vado a sedermici sopra, accidenti. E ci vado volontario, lo giuro su Dio (capitolo XVIII)
*Ti succede mai di averne fin sopra i capelli? [...] Voglio dire, ti succede mai d'aver paura che tutto vada a finire in modo schifo se non fai qualcosa? Voglio dire, ti piace la scuola e tutte quelle buffonate? (capitolo XVII)
Utente anonimo