Differenze tra le versioni di "Sergio Leone"

nessun oggetto della modifica
m (→‎Film: +1)
'''Sergio Leone''' (1929 – 1989), regista, sceneggiatore e produttore italiano.
 
*Avevo bisogno più di una maschera che di un attore, ed [[Clint Eastwood|Eastwood]] a quell'epoca aveva solo due espressioni: con il cappello e senza cappello. (citato in [[Walter Veltroni]], ''[http://archivio.panorama.it/home/articolo/idA020001031995 Sergio Leone: Vi spiego perché è il più grande]'', ''Panorama'', 25 luglio 2005)
*Fui totalmente affascinato da... Hollywood... devo aver visto almeno trecento film al mese per due o tre anni. Western, commedie, film di gangster, storie di di guerra: tutto quello che mi capitava a disposizione. (citato in [[Richard Schickel]], ''Clint Eastwood – L'uomo dalla cravatta di cuoio'')
*I cui personaggi {{NDR|di [[Omero]]}} non sono altro che gli archetipi degli eroi del West. Ettore, Achille, Agamennone non sono altro che gli sceriffi, i pistoleri e i fuorilegge dell'antichità. (citato in [[Walter Veltroni]], ''[http://archivio.panorama.it/home/articolo/idA020001031995 Sergio Leone: Vi spiego perché è il più grande]'', ''Panorama'', 25 luglio 2005)
*Il [[cinema]] dev'essere spettacolo, è questo che il pubblico vuole. E per me lo spettacolo più bello è quello del mito. (''ivi'')
*[[Robert De Niro]] si butta nel film e nel ruolo assumendo la personalità del personaggio con la stessa naturalezza con cui uno potrebbe infilare un cappotto, mentre [[Clint Eastwood]] indossa un'armatura e abbassa la visiera con uno scatto rugginoso. Bobby, prima di tutto, è un attore. Clint, prima di tutto, è un divo. Bobby soffre, Clint sbadiglia. (citato in [[Richard Schickel]], ''Clint Eastwood – L'uomo dalla cravatta di cuoio'')
 
==Senza fonte==
{{Senza fonte}}
 
*Il [[cinema]] dev'essere spettacolo, è questo che il pubblico vuole. E per me lo spettacolo più bello è quello del mito.
*Mi piace [[Clint Eastwood]] perché è un attore che ha solo due espressioni: una con il cappello e una senza cappello.
*Mi sembra che oggi il [[cinema]] rischi una vera e propria regressione, trasformandosi in un intrattenimento puramente infantile.