Differenze tra le versioni di "Marco Aurelio"

nessun oggetto della modifica
m (ordine sezioni)
*L'arte di vivere assomiglia più alla lotta che alla danza.
*La [[vita]] è guerra e soggiorno in terra straniera.
*Le conseguenze della [[collera]] sono molto più gravi delle sue cause.
*Spesso commette ingiustizia non solo colui che fa qualcosa, ma anche colui che non la fa.
*La [[morte]] sorride a tutti; un uomo non può far altro che sorriderle di rimando.
*Guarda sotto la superficie: non lasciarti sfuggire la qualità o il valore intrinseco delle cose. (da ''Pensieri''; VI, 3)
*Il modo migliore per difendersi da un [[nemico]] è non comportarsi come lui. (da ''Pensieri'', VI, 6)
*Le conseguenze della [[collera]] sono molto più gravi delle sue cause.
(da ''Colloqui con se stesso'')
*L'uomo ambizioso ripone il suo bene nelle mani degli altri; l'uomo sensuale nelle sue sensazioni; l'uomo ragionevole nelle sue azioni. (da ''Colloqui''; libro VI, 51)
*Ciò che non giova all'alveare non giova neppure all'[[ape]]. (da ''Pensieri''; VI, 54)
*Prendi senza orgoglio, rinunzia senza difficoltà. (da ''Pensieri''; IIX, 33)
*Gli [[uomo|uomini]] sono fatti l'uno per l'altro; istruiscili, dunque, o sopportali. (da ''Pensieri''; IIX, 59)
 
*Il ragno si fa bello perché ha preso una mosca; qualcuno perché ha [[caccia|preso]] una lepre; un altro, una sardella con la rete adatta; un altro, un cinghiale; un altro, un orso; un altro, dei sàrmati. Non si tratta pur sempre d'assassini, se fai attenta indagine su quello che ne muove il pensiero? (da ''Colloqui con se stesso'', trad. Enrico Turolla, Fabbri Editori, 2001)
*Troverai sollievo alle vane fantasie se compirai ogni atto della tua vita come se fosse l'ultimo. (da ''Colloqui con se stesso'')
Utente anonimo