Differenze tra le versioni di "Aśvaghoṣa"

562 byte aggiunti ,  10 anni fa
+ 2
(+ 2)
 
==''Le gesta del Buddha''==
*Quando nacque il maestro della Liberazione degli esseri viventi {{NDR|[[Buddha]]}}, il mondo divenne oltremodo pacifico come se, essendo in uno stato di disordine, avesse trovato un sovrano. Il dio d'Amore {{NDR|Kamadeva<ref>Cfr. la [[w:Kama (divinità)|voce su Wikipedia]].</ref>}} fu il solo a non gioire. (dal ''Canto I'', § 27)
*Dall'oceano del dolore in cui la spuma sparsa è la malattia, le onde sono la vecchiaia e la terribile corrente è la morte, egli {{NDR|[[Buddha]]}} salverà le creature, che in esso si trascinano afflitte, con la gran nave della conoscenza. (Asita: dal ''Canto I'', § 70)
*Quale essere razionale, consapevole di vecchiaia, malattia e morte, potrebbe starsene tranquillamente in piedi, o seduto, oppure sdraiato, o tanto meno ridere?<br />Invece, chi rimane tranquillo e imperturbabile nel vedere un suo simile vecchio, ammalato o morto, è come un essere senza coscienza:<br />infatti, se un albero viene privato di frutti e di fiori o cade tagliato, un altro albero non se ne affligge. (Buddha: dal ''Canto IV'', § 59 – 61)
*Assassina della bellezza, rovina della forza, grembo del dolore, tomba del piacere, distruzione dei ricordi, nemica dei sensi: questa [...] si chiama [[Senilità|vecchiaia]]. (l'auriga: dal ''Canto III'', § 30)
*Quale saggio potrebbe procedere in base [alle convinzioni] di un altro, come un cieco guidato da un cieco nella cieca oscurità?<br />Benché io non abbia ancora accertato la verità, nel dubbio tra bene e male la mia decisione è comunque per il bene: davvero è preferibile il dolore di chi, magari invano, è rivolto al bene, alla felicità di chi, fors'anche a ragione, è rivolto al male. (Buddha: dal ''Canto IX'', § 74 – 75)
*L'[[Senilità|età avanzata]] è pensosa, composta, rivolta alla stabilità: con poco sforzo giunge alla pace interiore, sia per l'impossibilità di agire altrimenti sia per verecondia. (il re: dal ''Canto X'', § 36)
*Come può l'inquieto, che è spossato da fame, sete e mortificazioni e la cui mente non si regge per lo sforzo, raggiungere quel risultato che la mente deve raggiungere? (Buddha: dal ''Canto XII'', § 103)
 
==Note==
<references />
 
==Bibliografia==