Differenze tra le versioni di "Giovan Battista Marino"

elimino stub
(citazioni)
(elimino stub)
'''Giovan Battista Marino''' (1569 – 1625), poeta e scrittore italiano.
 
*''Dunque è morto il [[Angelo di Costanzo|Costanzo]]? or chi più vostro | Fia duce, o sacri ingegni? e chi v'addita | D'onor la via, se col suo piè partita | Virtù sen riede al sempiterno chiostro? | Voi, che a dolervi, o muse, al dolor nostro | Comun lamento e proprio danno invita, | Spargete, estinto lui che vi diè vita, | Per gl'occhi pianto e per le penne inchiostro. | E tu, tante tue glorie in breve speco | Rinchiuse in un con l'onorata salma, | Sospira, o Mondo impoverito e cieco. Sol morte lieta di sì chiara palma. Trionfi intanto e goda, e godan seco | La Terra che ha le membra, e 'l Ciel ch' ha l'alma''. (''Sonetto'' in morte di [[Angelo di Costanzo]])<ref>citato in Giovanni Bernardino Tafuri, Vita di Angelo di Costanzo in prefazione a Angelo di Costanzo, ''Istoria del regno di Napoli'', Volume 1, Società Tipografica dei Classici Italiani, Milano 1805</ref>
==''Adone''==
===[[Incipit]]===
===Opere===
{{Pedia|L'Adone||(1623)}}
 
{{stub}}
 
[[Categoria:Poeti italiani|Marino, Giovan Battista]]
15 808

contributi