Differenze tra le versioni di "Giovan Battista Marino"

citazioni
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".)
(citazioni)
'''Giovan Battista Marino''' (1569 – 1625), poeta e scrittore italiano.
 
*''Dunque è morto il [[Angelo di Costanzo|Costanzo]]? or chi più vostro | Fia duce, o sacri ingegni? e chi v'addita | D'onor la via, se col suo piè partita | Virtù sen riede al sempiterno chiostro? | Voi, che a dolervi, o muse, al dolor nostro | Comun lamento e proprio danno invita, | Spargete, estinto lui che vi diè vita, | Per gl'occhi pianto e per le penne inchiostro. | E tu, tante tue glorie in breve speco | Rinchiuse in un con l'onorata salma, | Sospira, o Mondo impoverito e cieco. Sol morte lieta di sì chiara palma. Trionfi intanto e goda, e godan seco | La Terra che ha le membra, e 'l Ciel ch' ha l'alma''. (''Sonetto'' in morte di [[Angelo di Costanzo]])<ref>citato in Giovanni Bernardino Tafuri, Vita di Angelo di Costanzo in prefazione a Angelo di Costanzo, Istoria del regno di Napoli, Volume 1, Società Tipografica dei Classici Italiani, Milano 1805</ref>
==''Adone''==
===[[Incipit]]===
===Citazioni===
*''Città senza signor, senza governo, | cade qual mole suol senza sostegno.'' ({{Source|Adone/Canto XVI|Città senza signor|canto XVI, 67ª ottava}})
*''O già del'Arno, or dela Senna onore,<br>Maria, piuch'altra invitta e generosa,<br>donna non già, ma nova dea d'amore,<br>che vinta col tuo giglio hai la sua rosa<br>e del gallico Marte il fiero core<br>domar sapesti e trionfarne sposa,<br>nate colà su le castalie sponde<br>prendi queste d'onor novelle fronde.''<ref>Il poeta dedicò il poema "Alla Maestà Cristianissima di [[Maria de' Medici]] Reina di Francia e di Navarra".</ref> ([[s:Adone/Canto XI|canto XI, 1ª ottava]])
 
==[[Incipit]] di ''Amori''==
15 808

contributi