Apri il menu principale

Modifiche

797 byte aggiunti ,  8 anni fa
Aggiunto incipit "Augusto. Braccio violento della storia"
*''Vorrei | lasciare alla tua esatta | generosità, alla tua calma | tensione, non orme | di gratitudine ma il dono d'una trepida | erezione''. (da ''Floriana'', in ''Discepole in sogno'')
{{NDR|Luca Canali, ''Deliri'' - ''Discepole in sogno'', ''Poesia'', n. 193 aprile 2005, Crocetti Editore}}
 
==[[Incipit]] di ''Augusto. Braccio violento della storia''==
"Ehi Agrippa, dormi? È quasi l'alba, fra poco sbarchiamo".<br>
Seduto su un cerchio di corde, la testa fra i pugni, i gomiti puntati sulle ginocchia, e gli occhi semichiusi, Agrippa non dormiva. Anzi, a quel richiamo di Ottaviano, suo compagno di studi e di vita, sorrise scoprendo, fra labbra bruciate dal vento e dal sole di chi ha vissuto a lungo all'aria aperta, denti corti e saldi che cercavano invano di risplendere al chiaro di luna di quella notte del 15 aprile 44 a.C. Un mese esatto dall'assassinio di Cesare all'ingresso della Curia di Pompeo.
 
==Bibliografia==
*Luca Canali, ''Augusto. Braccio violento della storia''
*Luca Canali, ''Deliri'' - ''Discepole in sogno'', ''Poesia'', n. 193, Crocetti Editore, aprile 2005.
 
==Altri progetti==
19 885

contributi