Differenze tra le versioni di "Vittorino Andreoli"

Aggiunto incipit "Preti"
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".)
(Aggiunto incipit "Preti")
Già in quest'affermazione, il rimando alla Riforma protestante è molto chiaro, sia nelle espressioni di [[Martin Lutero|Lutero]] che di Zwingli.<br>
Siamo nel XVI secolo e quindi nel clima della Riforma protestante e anche del diffondersi in [[Italia]] di un movimento contrapposto alla visione cattolica ufficiale. Ciò sta a indicare che la Riforma ha attecchito anche nel nostro paese e, cosa più curiosa, tra i preti.
 
===''Preti. Viaggio fra gli uomini del sacro''===
Il sacerdote è un personaggio della nostra società. Una figura che ha una lunga storia nella nostra cultura, che ha assolto compiti diversamente riconosciuti e sovente anche contrastati. Un personaggio che è cambiato perché è cambiato l'ambiente in cui si pone. Così, pur perseguendo un identico obiettivo, legato al ruolo istituzionale che ricopre, l'ambiente in cui vive lo ha modificato, mutando persino il modo esteriore con cui si presenta al popolo. Dalla veste talare lunga e nera con berretta a punte e pompon o cappello rigido a larghe tese, lo si vede talora in abito "borghese", in jeans e t-shirt, non più identificabile o immediatamente riconoscibile. E questo lo ha fatto per nascondersi, quando la sua missione, contrastata, doveva svolgersi in maniera clandestina; oppure per la convinzione che dovesse essere notato non per l'abito ma per il suo modo di essere e per il suo comportamento, invertendo il detto popolare che è l'abito a fare il monaco.
 
===''Tra un'ora, la follia''===
*Vittorino Andreoli, ''L'uomo di vetro'', Rizzoli, 2008.
*Vittorino Andreoli, ''Lettera a un adolescente'', Rizzoli, 2004.
*Vittorino Andreoli, ''Preti di carta. Storie di santi ed eretici, asceti e libertini, esorcisti e guaritori'', Piemme, 2010.
*Vittorino Andreoli, ''Preti. Viaggio fra gli uomini del sacro'', Piemme, 2010. ISBN 9788856615197
*Vittorino Andreoli, ''Tra un'ora, la follia'', Rizzoli, 1999.
 
{{interprogetto|w}}
 
[[Categoria:Psichiatri|Andreoli, Vittorino]]
[[Categoria:Scrittori italiani|Andreoli, Vittorino]]
26 208

contributi