Differenze tra le versioni di "Missionario"

twain+1
(twain+1)
*I missionari non si improvvisano, non spuntano come "funghi" ci vogliono anche coloro che preparano i missionari e lavorano perché essi evangelizzano. È da 2000 anni che la Chiesa si affatica alla conversione del mondo. Quando sarà realtà è un segreto di Dio. Noi ringraziamo la Provvidenza che ci ha eletti suoi cooperatori. ([[Paolo Tanzella]])
*Il missionario dev'essere disposto a tutto. La nostra vita è un misto di dolore e godimenti, di affanni e di speranze, di patimenti e conforti. Si lavora con le mani e con la testa, si viaggia a piedi o in piroga, si studia, si suda, si soffre, si gode: ecco quello che vuole da noi la Provvidenza. ([[Daniele Comboni]])
*La prima cosa che un missionario insegna al selvaggio è l'indecenza. ([[Mark Twain]])
*L'apostolo, il predicatore, il missionario, il confessore, l'uomo d'azione, corrono grave rischio di costruire sulla sabbia, se la loro attività non poggia sopra un'intensa devozione e fiducia in Maria. ([[Giacomo Alberione]])
*L'epopea missionaria non è tutta nella partenza. La storia non è fatta solo di partenze e arrivi. Le lotte, i sacrifici, e i martiri conosciuti o segreti di missionari, le ansie dell'apostolato duro, le quotidiane preoccupazioni per le scuole e gli ospedali e per tutte le moltelpici opere richieste oggi in terra di missione sono fatti e cose che nessuno scriverà, perché sfuggono al narratore più attento e forse, al loro protagonista stesso. ([[Paolo Tanzella]])
26 381

contributi