Differenze tra le versioni di "Teresa d'Avila"

link
(+1)
(link)
 
==Citazioni==
*In un'estasi mi apparve un angelo tangibile nella sua costituzione carnale e era bellissimo; io vedevo nella mano di questo angelo un dardo lungo; esso era d'oro e portava all'estremità una punta di fuoco. L'angelo mi penetrò con il dardo fino alle viscere e quando lo ritirò mi lasciò tutta bruciata d'[[Amor di Dio|amore per Dio]]. […] Nostro Signore, il mio sposo, mi procurava tali eccessi di piacere da impormi di non aggiungere altro oltre che a dire che i miei sensi ne erano rapiti. (da ''Libro della mia vita'')
 
==''Il castello interiore''==