Differenze tra le versioni di "Alessandro Pronzato"

m
→‎Prega per noi!: sistemo e wlink
m (Automa assistito: Correzione semiautomatica punteggiatura e spazi.)
m (→‎Prega per noi!: sistemo e wlink)
*Il tuo sapere umano non riuscirà mai a fissare, determinare, né tanto meno catturare le traiettorie dello Spirito.
*Io sono convinto che, nella nostra preghiera, anche se le parole sembrano smarrirsi chissà dove, nei gelidi spazi siderali, in realtà vengono purificate dal vuoto che attraversano, e almeno uno spezzone incandescente ricade a scaldare il nostro cuore aggredito dal freddo e dalla vecchiaia, almeno un frammento luminoso viene a illuminare le nostre notti.
*La Chiesa rimane fedele alla [[Pentecoste]], nella misura in cui non si accontenta del funzionamento, della disciplina, della regolarità, dell'amministrazione della cenere, ma non ha paura di scottarsi dita e cuore maneggiando i carboni ardenti.
*La Madonna non costituisce l'anticamera, né tanto meno ci trattiene nella sua sala d'attesa privata. Ci conduce immediatamente dinanzi al Signore, ci mette in contatto con Lui, a faccia a faccia con Dio.
*La parola "alleluia" è formata dall'imperativo "allelu – lodate – e ja", che è abbreviazione di "Jahvè". Per cui Alleluia vuol dire precisamente: "Lodate Dio". Si tratta, infatti, di lodare il Dio misericordioso e compassionevole.
*"Prega per noi" non vuol dire "prega al posto nostro".
*Preoccupati di salvare la faccia (quella faccia spalmata di seriosità e di tetraggine), non si accorgono di perdere l'anima!
*Pretendiamo che un figlio superi gli esami della scuola, ma non ci preoccupiamo che sia "ritardato" in fatto di cuore, non brillante quanto a generosità, decisamente carente per quel che riguarda lo spirito, scarsamente sensibile nel settore della giustizia, debolissimo in materia di sacrificio.*Purtroppo molte "persone pie" hanno più dimestichezza con la cenere che con il fuoco. La Chiesa rimane fedele alla Pentecoste, nella misura in cui non si accontenta del funzionamento, della disciplina, della regolarità, dell'amministrazione della cenere, ma non ha paura di scottarsi dita e cuore maneggiando i carboni ardenti.
*Purtroppo molte "persone pie" hanno più dimestichezza con la cenere che con il fuoco.
*Quando si vuole rendere tutto [[chiarire|chiaro]], evidente, facile, si finisce per banalizzare anche le cose più sublimi.
*Sciogliersi significa abbandonare l'aridità, la disumanità, e ritrovare la tenerezza. Troppe volte, infatti scordiamo il nostro vero nome, il nostro volto autentico, la cifra della nostra grandezza, l'orizzonte delle nostre possibilità.
12 407

contributi