Guido Cavalcanti: differenze tra le versioni

m
→‎Rime: -spazi
m (→‎Rime: -spazi)
==Rime==
*''In un boschetto trovai pastorella | come la stella bella, al mio parere || Capelli avea biondetti e ricciutelli | e gli occhi pien d'amor, cera rosata; | con sua verghetta pasturava agnelli, | e, scalza, di rugiada era bagnata; | cantava come fosse innamorata, | era adornata di tutto piacere''. (da ''La pastorella''; citato in ''Versi e Metri italiani'')
 
*''Perch'i' no' spero di tornar giammai, | Ballatetta, in [[Toscana]], | Va' tu leggera e piana, | Dritt'a la donna mia, | Che per sua cortesia | Tifarà molto onore''. (da ''La ballata dell'esilio''; citato in ''La dolce stagione'')
 
*''Tu voce sbigottita e deboletta, | Ch'esci piangendo de lo cor dolente, | Coll'anima e con questa ballatetta | Va ragionando de la strutta mente''. (da ''La ballata dell'esilio''; citato in ''La dolce stagione'')
 
*''Fresca rosa novella, | piacente primavera, | per prata e per rivera | gaiamente cantando, | vostro fin presio mando – a la verdura.'' (da ''Fresca rosa novella'')
 
*''Avete 'n vo' li fior' e la verdura | e ciò che luce od è bello a vedere; | risplende più che sol vostra figura: | chi vo' non vede, ma' non po' valere.'' (da ''Avete 'n vo' li fior' e la verdura'')
 
*''Biltà di donna e di saccente core | e cavalieri armati che sien genti; | cantar d'augilli e ragionar d'amore; | adorni legni 'n mar forte correnti;'' (da ''Biltà di donna e di saccente core'')
 
*''Chi è questa che vèn, ch'ogn'om la mira, | che fa tremar di chiaritate l'âre | e mena seco Amor, sì che parlare | null'omo pote, ma ciascun sospira?'' (da ''Chi è questa che vèn, ch'ogn'om la mira'')
 
*''Li mie' foll' occhi, che prima guardaro | vostra figura piena di valore, | fuor quei che di voi, donna, m'acusaro | nel fero loco ove ten corte Amore,'' (da ''Li mie' foll' occhi, che prima guardaro'')
 
28 514

contributi