Differenze tra le versioni di "Giulio Cesare (Shakespeare)"

 
==Citazioni==
*A volte gli uomini sono padroni del loro destino; la colpa, caro Bruto, non è delle nostre stelle, ma nostra, che noine siamo dei subalterni. (Cassio: atto I, scena II)
*È utile che le menti nobili sempre si tengano coi loro pari. (Cassio: atto I, scena II, p. 220)
*Vorrei che attorno a me ci fossero degli uomini piuttosto grassi, e con la testa ben pettinata, e tali, insomma, che dormano la notte. Quel Cassio laggiù ha un aspetto troppo magro e affamato: pensa troppo, e uomini del genere sono pericolosi. (Cesare ad Antonio: atto I, scena II)
Utente anonimo