Differenze tra le versioni di "Ross Lockridge"

1 073 byte rimossi ,  10 anni fa
nessun oggetto della modifica
(interprogetto)
 
==''L'albero della vita''==
*SOGNO DI EVELINA<br>''– Addio?<br>Il treno si muoveva. Sembrava che quella di lei dovesse essere la cuccetta superiore, ma c'era una gran confusione su dove uno doveva dormire e con chi. Centinaia di uomini, donne, bambini, tutti i naufraghi di quel disgraziato esperimento, inclusi il signor Shawnessy, il " perfessore " e il Senatore si erano gettati alla caccia di un posto per dormire. Sembrava che quello fosse un grande esodo verso New York, proprio come il " perfessore " aveva detto nella sua lettera.<br>– Suppongo – disse il signor Shawnessy, aiutandola a salire nella sua cuccetta – col tempo tutto il processo sarà controllato alla meglio di adesso. Ma sembra che il controllore abbia perduto la lista dei viaggiatori.<br>In bianca camicia da notte, con i capelli sciolti, ella si afferrò alle sue mani.<br>– Ho aspettato con fede il tuo ritorno, mio signore.<br>Il treno rombava e gemeva passando come un proiettile lanciato a velocità pazzesca attraverso un paesaggio di prati, laghi, fiumi. Nel vagone semibuio e ondeggiante ella vide il viso amato e bellissimo e cercò di attrarlo nella cuccetta accanto a sé, ma c'era una gran confusione, perché scoprì che si trattava invece del viso del " perfessore ", che guardava intensamente il suo, e il cui fiato sibilante si cambiò nel fischio del treno, un melanconico suono di dolore e d'addio, di rinuncia, di femminile sconfitta e di ricordo dei giorni scomparsi e dei giardini sfioriti che una volta erano stati colmi d'estate... Addio...'' (p. 59)
*La gente sembra aver un talento particolare e una volontà invincibile di esser infelice sotto qualsiasi governo. (p. 333)
*La [[proprietà]] è una religione che come molte fedi riesce a mantener grassi e in piccolo numero i suoi sacerdoti, e molti e affamati i suoi devoti. Tutti i suoi dividenti appartengono convenzionalmente al futuro, gabellato come un Paradiso di Proprietà di tutti. (p. 333)
Utente anonimo