Differenze tra le versioni di "Lorenzo de' Medici"

m
+collegamenti a wikisource; minuzie
m (+collegamenti a wikisource; minuzie)
{{nota disambigua|descrizione=altri personaggi|titolo=[[Lorenzino de' Medici]] o la disambigua [[Medici]]}}
[[Immagine:Lorenzo de Medici.jpg|thumb|Lorenzo de' Medici]]
'''Lorenzo de' Medici''', detto '''Lorenzo il Magnifico''' (1449 – 1492), Signoresignore di Firenze, letterato e, mecenate nonchée diplomatico.
 
==Citazioni di Lorenzo de' Medici==
*''Dalla più alta stella | Disceso è in terra un divino splendore, | Gloriosa Regina, | Vergine e sposa, madre del Signore: | O luce mattutina, | Felice chi s'inchina | A questa santa madre onesta e pia''. (da ''Alla [[Maria|Vergine]]'')
 
==''Canti carnascialeschi''==
*''Convien giucare e spender bei quattrini.'' (da ''[[s:Canti carnascialeschi (Lorenzo de' Medici)/I. Canzona de' confortini|Canzona de' confortini]]'', v. 14)
*''Chi vince, per dolcezza si gavazza, | dileggia e ghigna, e tutto si diguazza; | credere alla [[Fortuna]] è cosa pazza: | aspetta pur che poi si pieghi e chini.'' (da ''Canzona de' confortini'', vv. 27-30)
*''Quant'è bella [[giovinezza]], | che si fugge tuttavia! | chi vuol esser lieto, sia: | di doman non c'è certezza.'' (da ''[[s:Canti carnascialeschi (Lorenzo de' Medici)/VII. Canzona di Bacco|Canzona di Bacco]]'', vv. 1-4)
*''Donne, noi siam maestri d'innestare; | in ogni modo lo sappiam ben fare.'' (da ''[[s:Canti carnascialeschi (Lorenzo de' Medici)/IV. Canzona degl'innestatori|Canzona degl'innestatori]]'', vv. 1-2)
*''Cetrïuoli abbiamo e grossi, | di fuor pur ronchiosi e strani; | paion quasi pien' di cossi, | poi sono apritivi e strani; | e' si piglion con duo mani: | di fuor lieva un po' di buccia, | apri ben la bocca e succia; | chi s'avezza, e' non fa male.'' (da ''[[s:Canti carnascialeschi (Lorenzo de' Medici)/VI. Canzona delle foresteforese|Canzona delle forese]]'', vv. 13-20)
*''Orsù! seguiam questa stella benigna, | o donne vaghe, o giovinetti adorni: | tutti vi chiama la bella Ciprigna | a spender lietamente i vostri giorni, | senz'aspettar che 'l dolce tempo | torni, | ché, come fugge un tratto, mai non riede.'' (da ''[[s:Canti carnascialeschi (Lorenzo de' Medici)/VIII. Canzona de' sette pianeti|Canzona de' sette pianeti]]'', vv. 21-26)
*''Dica pur chi mal dir vuole, | noi faremo e voi direte.'' (da ''[[s:Canti carnascialeschi (Lorenzo de' Medici)/IX. Canzona delle cicale|Canzona delle cicale]]'', vv. 31-32)
*'' Se ci è alcuna a chi la fava piaccia, | la meglio infranta abbiam che ci si faccia, | con un pestel che insino a' gusci schiaccia, | ma a menar forte ell'esce de' mortai.'' (da ''[[s:Canti carnascialeschi (Lorenzo de' Medici)/XI. Canzona de' fornai|Canzona de' fornai]]'', vv. 11-14)
 
==[[Incipit]] di alcune opere==
===''La Nencia da Barberino''<ref>operaOpera attibuita, di dubbia paternità.</ref>===
<poem>Ardo d'amore, e conviemme cantare
per una dama che me strugge el cuore,
saremi morte giá dolce paruta.</poem>
 
===''Simposio o I Beoni''<ref>operaOpera attribuita.</ref>===
<poem>Nel tempo ch'ogni fronde lascia'l verde,
Et prende altro color, e'mbiancan tutti
==Altri progetti==
{{interprogetto|s=Autore:Lorenzo de' Medici|s_preposizione=di|w|commons=Category:Lorenzo de' Medici}}
===Opere===
{{Pedia|Canti carnascialeschi||}}
{{Pedia|Nencia da Barberino||}}
 
[[Categoria:Poeti italiani|Medici, Lorenzo]]
22 142

contributi