Differenze tra le versioni di "Renzo Piano"

1 249 byte aggiunti ,  9 anni fa
nessun oggetto della modifica
m (Annullate le modifiche di 93.42.7.142 (discussione), riportata alla versione precedente di Dread83)
 
* Quello dell'architetto è un mestiere antico come cacciare, pescare, coltivare ed esplorare. Dopo la ricerca del cibo viene la ricerca della dimora. Ad un certo punto, l'uomo, insoddisfatto dei rifugi offerti dalla natura, è diventato architetto. (da ''Il Carabiniere'', gennaio 2008, pag. 91)
 
{{Intestazione|''Vieni via con me'', Rai Tre, 22 novembre 2010}}
*Bisogna sempre ricordare che fare [[architettura]] significa costruire edifici per la gente, università, musei, scuole, sale per concerti: sono tutti luoghi che diventano avamposti contro l'imbarbarimento. Sono luoghi per stare assieme, sono luoghi di cultura, di arte e l'arte ha sempre acceso una piccola luce negli occhi di chi la frequenta.<!-- 01:12:58 -->
*Talvolta l'architettura cerca il silenzio e il vuoto in cui la nostra coscienza si possa ritrovare. Il silenzio è un po' come il buio: bisogna avere il coraggio di guardarlo. E poi pian piano si comincia a vedere il profilo delle cose. Quindi l'architettura è anche l'arte di creare i luoghi per il silenzio, per la meditazione.
*La politica teme il talento perché il talento ti regala la libertà e la forza di ribellarti.
*Noi [[italia]]ni siamo come dei nani sulle spalle di un gigante, tutti. E il gigante è la cultura, una cultura antica che ci ha regalato una straordinaria, invisibile capacità di cogliere la complessità delle cose. Articolare i ragionamenti, tessere arte e scienza assieme, e questo è un capitale enorme. E per questa italianità c'è sempre posto a tavola per tutto il resto del mondo.
 
==''La responsabilità dell'architetto''==
*Renzo Piano, ''La responsabilità dell'architetto. Conversazione con R. Cassigoli'', Passigli, Firenze 2000 pp. 75-82.
 
== Altri progetti==
{{interprogetto|w}}
 
22 142

contributi