Differenze tra le versioni di "Mary Wollstonecraft"

correggo link, +2
(Aggiunto incipit "Sui diritti delle donne", bibliografia)
(correggo link, +2)
'''Mary Wollstonecraft''' (1759 – 1797), filosofa e scrittrice inglese
 
*Nessun uomo [[scelta|sceglie]] il [[male]] perché è il [[male]]; lo scambia solo per la [[felicità]], per il bene che cerca. (da ''Rivendicazione dei diritti dell'uomo'')
 
==Senza fonte==
 
===Citazioni===
*Ahimè, dubito che la pietà e l'amore siano così simili come sostengono i poeti, poiché raramente vedo nascere compassione di fronte alla situazione delle [[donne]], a meno che esse non siano belle.
*Chi ha reso l'uomo il giudice esclusivo, se la [[donna]] condivide con lui il dono della ragione?
*È la [[giustizia]], non la [[carità]], che manca nel [[mondo]].
*Gli effetti positivi che derivano dall'educazione privata saranno sempre limitati, e il genitore che vuole veramente metterci mano andrà sempre in qualche modo incontro a delusioni, fino a quando l'educazione non diventerà un diffuso interesse nazionale.
*Il vincolo più sacro della società è l'[[amicizia]].
*Le donne sono private della capacità di ragionare, come i soldati.
*L'educazione pubblica, di qualsiasi tipo, dovrebbe essere rivolta ai cittadini; ma se volete creare buoni cittadini prima dovete esercitare gli affetti di figlio e di fratello.