Differenze tra le versioni di "Brancaleone alle crociate"

m
*{{NDR|Pattume sta trasportando quello che sembra un piccolo cespuglio}}</br> '''Rozzone''': Pastùra per la mia crapa {{NDR|capra}}?</br> '''Pattume''': No, urtìca per lo mio giaciglio!
 
*{{NDR|I nostri giungono all'eremo dell'anacoreta Pantaleo; per raggiungere il sant'uomo attraversano un corridoio buio e alquanto stretto}}</br> '''Brancaleone''': Ouh, ove ne siamo?</br> '''Pattume''': Di quine.</br> '''Cieco''': Addove mi menate? Io non veggo cosa!</br> '''Cippa''': NemmancoE manco io!</br> '''Panigotto''': Attenti al fanteo!</br>{{NDR|Il bambino si mette a piangere}}</br> '''Tiburzia''': Chi me francica le puppe?! Tiè! {{NDR|Mollando uno schiaffo}}</br> '''Thorz''': Ahi mein Gott!</br> '''Rozzone''': Abbate {{NDR|abbassate}} le capocce!</br> {{NDR|Si avverte un duro colpo}}</br> '''Brancaleone''': Cribbius, lo naso meo! Ahi lo dolore! Pattume, dove ci menasti, l'anima de li tuoi miliori?!</br> '''Pantaleo''': Chi jene {{NDR|viene}}? {{NDR|Con voce profonda e possente}}</br> '''Rozzone''': Uuh, l'Uomo Nero!</br> '''Panigotto''': Oh vero, sé o Minotauro: bestia cavernosa, categoria cornuta, se nutrisce de poenta e omeni.</br> '''Pattume''': Lo che vi dite? Cotesto è lo vocìo dello santo meo romito Pantaleo!
 
*{{NDR|Pantaleo parla tra sé in ascesi, alternando la voce da possente a normale, fissando i presenti senza però effettivamente vederli e senza accorgersi che Pattume si fa sempre più vicino a lui}}</br> '''Pantaleo''': ''Chi voi sete, fili?'' Semo viandanti, Pater. ''Entrate, fili!'' Gratias, Pater. ''Prego, fili!'' Lo perché tu parli e te rispondi da lo solo, Pater? ''Sono alla solitudo abituato e tal a ragionar da me a me stesso, fili.'' [...] ''Ed in cotale solitudo venetti a scienza che la vita è una serpa di desgrazie con qualche sciagura!''</br> {{NDR|Pattume si getta ridendo sull'eremita che, spaventato, esce dallo stato di ascesi}}</br> '''Pantaleo''': Ouh, chi esse?!</br> '''Pattume''': Romito, posso io ti dicere lo motivo per lo cui io sie qui? O lo dichi tu?</br> '''Pantaleo''': Dichilo tu, dichilo tu, figlio. Perocché si tu es veniuto meco per discutere lo sesso degli agnoli pigliati codesto mio tomo...</br> {{NDR|Pantaleo si alza e prendendo un grosso libro ne fa cadere diversi altri sulla schiena di Pattume, che giosce per il dolore provato}}</br> '''Pantaleo''': ... ove lo tutto es ampliamente lucubrato. Se d'invece sete veniuti per sapere se la sustanzia dello Figliol di Dio sia "homo ius sia" od "homo usìa", ovverosia se àvvia o no la jota differentia...</br> {{NDR|Pantaleo si rialza ed estraendo un altro libro fa crollare un'intera pila di manoscritti}}</br> ... deccovi questo altro tomo, ove per argumento...</br> {{NDR|Pantaleo scambia gli atti di Brancaleone come atteggiamento di sufficienza ed altezzosità, quando in realtà egli sta tentando di fermare la perdita di sangue dal naso. L'eremita è in collera}}</br> '''Pantaleo''': Ma io veggo tra di voi un sussiegoso! Cavaliere! Donde te ne vene tanta spocchia, che te ne stai alto lo mento, spregioso l'aspetto! Sai tu che superbia es peccato capitale? ''Ti sia di giovamento questo mio tomo sullo ponderoso tema!''</br> '''Brancaleone''': Gratias Pater, non est superbia la mea, sibbene sanguine dallo naso!</br> '''Pantaleo''': Ah! Me ne cale assai!
402

contributi