Differenze tra le versioni di "Brancaleone alle crociate"

m
m
*{{NDR|Brancaleone è disperato: i pellegrini, ad eccezion di poche persone, sono stati trucidati mentre lui era impedito dallo scafo della nave di raggiungere la battaglia. Sentendo l'onta su sé, prega la Morte affinché venga a prenderlo}}</br> '''Brancaleone''': Onta! Onta su me! Che l'onta mi sommerga e mi soffochi! Onta! Che mi sia tolta la colpa d'esser vivo fra cotanti morti! Morte. Vieni morte, bella morte. Piglia anco me, orsù che indugi, io ti invoco, tu non mi spauri. {{NDR|ride}} Che è mai la vita? Breve romore, sequìto da uno fiato ammorbante. {{NDR|ride}} E però {{NDR|perciò}} vienimi, vieni morte! Strappami a t'essa! T'affretta! Che fai morte, tentenni? Presto! Accorrimi ché più non reggo! Io te l'impongo!</br> '''Morte''': ''Son qua!!''
 
*{{NDR|Brancaleone rimane interdetto a sentire la voce della Morte, e spaventato si volta. Ai suoi occhi appare sulla cima di un dirupo la figura stereotipata della Morte: uno scheletro ravvolto in un mantello nero con tanto di falce. Essa si rivolge all'eroe con un leggero accento fiorentino}}</br> '''Brancaleone''': Chi è? Chi sie?</br> '''Morte''': Son la tua morte! Non mi chiamasti?</br> '''Brancaleone''': I-io?</br> '''Morte''': Sì. Fosti tu a invocarmi!</br> '''Brancaleone''': Ah, aah sì... parole che sfuggono, nell'empito dei sentimenti... e che si sape mai furon prese a serietà.</br> '''Morte''': D'ora innante lo saranno. Preparat'a morire!</br> '''Brancaleone''': Lo come? In sull'istante?</br> '''Morte''': {{NDR|ridendo}} Oh che s'aspetta... io ci sono, tu ci sei... Ti fo scegliere: un coccolone? Peste improvvisa? Verniculite? Ovvero un fulminante disciogliersi de il corpo?</br> '''Brancaleone''': {{NDR|ridendo sprezzante}} Le misere proposte! Brancaleone da Norcia debbe aversi morte gloriosa, con l'arme in pugno et per causa iusta! Eh questo mi spetta: son cavaliere!</br> '''Morte''': Come tu vvoi... t'hai tempo le sette lune, trascorse le quali io verrò a ti pigliare dove unque et come unque!</br> '''Brancaleone''': Sette lune?! Mi basta l'arco d'un sol iornojorno per trovare la mia degna morte!</br> '''Morte''': Quand'è così, voglio aiutarti. Le cinque miglia di qui, il loco detto "Ponterragno", stassi per compiere uno delitto contra uno innocente. Tu tenta a salvarlo, et avrai così gloriosa morte. Io là sarò, tra minuti diece. Procedimi!</br> '''Brancaleone''': Diece minuti col caval mio Aquilante? Facimo in fra un'oretta, et ivi sarai mia! Birba a chi manca!</br> '''Morte''': Birba!
 
*{{NDR|Brancaleone ed i suoi incontrano un uomo intento a punirsi, spingendo un pesante ceppo legato ad un ramo e ricevendolo poi in caduta in pieno petto.}}</br> '''Brancaleone''': O tu che a codesto modo di te fai strazio, dinci chi tu sie e lo perché ti lanci.</br> '''Pattume''': Per mi punire.</br> '''Brancaleone''': E quali furono le peccata tua per ti punire con cotal furore?</br> '''Pattume''': Uno. Uno solo. Ma lo più orrendo et abominevole che voi possiate mai immaginare! Pensatelo... L'avete voi pensato?</br> '''Brancaleone''': Beh, sì.</br> '''Pattume''': Bene, eheheh. Issi tutti, petto allo meo, potrianopotrìano essere opere di bene.</br> '''Rozzone''': Alle facce! Hai tu strippato lo fradejo tuo come Caino?</br> {{NDR|Pattume nega ridendo a tutte le domande}}</br> '''Panigotto''': Hai tu sputassato nell'acqua santiera?</br> '''Cieco''': O puramente che ti sei accuccato con tua madre istessa?</br> {{NDR|Quest'ultima domanda scandalizza tutti i presenti, ma Pattume continua a negare e a ridere. All'improvviso diventa serissimo}}</br> '''Pattume''': Taluno, cui sofflai nell'orecchio lo peccato meo, perse lo senno, se ne fuggì ululando e ancor si fugge! Et pertanto l'Inferno che m'attende non have strazi bastevoli per me, et però {{NDR|perciò}} rincaro da me stesso la dose in attesa della morteMorte che ben sì venga!</br> {{NDR|Brancaleone scatta terrorizzato al sentire il nome della Morte}}</br> '''Brancaleone''': Shhh shh shhhhh, non facemo nomi! {{NDR|Battendo in testa a Pattume la lancia}}</br> '''Pattume''': Ancora, che bello male, grazie!
 
*{{NDR|Pattume sta trasportando quello che sembra un piccolo cespuglio}}</br> '''Rozzone''': PasturaPastùra per la mia crapa {{NDR|capra}}?</br> '''Pattume''': No, urticaurtìca per lo mio giaciglio!
 
*{{NDR|I nostri giungono all'eremo dell'anacoreta Pantaleo; per raggiungere il sant'uomo attraversano un corridoio buio e alquanto stretto}}</br> '''Brancaleone''': Ouh, ove ne siamo?</br> '''Pattume''': Di quine.</br> '''Cieco''': Addove mi menate? Io non veggo cosa!</br> '''Cippa''': Nemmanco io!</br> '''Panigotto''': Attenti al fanteo!</br>{{NDR|Il bambino si mette a piangere}}</br> '''Tiburzia''': Chi me francica le puppe?! Tiè! {{NDR|Mollando uno schiaffo}}</br> '''Thorz''': Ahi mein Gott!</br> '''Rozzone''': Abbate {{NDR|abbassate}} le capocce!</br> {{NDR|Si avverte un duro colpo}}</br> '''Brancaleone''': Cribbius, lo naso meo! Ahi lo dolore! Pattume, dove ci menasti, l'anima de li tuoi miliori?!</br> '''Pantaleo''': Chi ienejene {{NDR|viene}}? {{NDR|Con voce profonda e possente}}</br> '''Rozzone''': Uuh, l'Uomo Nero!</br> '''Panigotto''': Oh vero, sé o Minotauro: bestia cavernosa, categoria cornuta, se nutrisce de poenta e omeni.</br> '''Pattume''': Lo che vi dite? Cotesto è lo vocìo dello santo meo romito Pantaleo!
 
*{{NDR|Pantaleo parla tra sé in ascesi, alternando la voce da possente a normale, fissando i presenti senza però effettivamente vederli e senza accorgersi che Pattume si fa sempre più vicino a lui}}</br> '''Pantaleo''': ''Chi voi sete, fili?'' Semo viandanti, Pater. ''Entrate, fili!'' Gratias, Pater. ''Prego, fili!'' Lo perché tu parli e te rispondi da lo solo, Pater? ''Sono alla solitudo abituato e tal a ragionar da me a me stesso, fili.'' [...] ''Ed in cotale solitudo venetti a scienza che la vita è una serpa di desgrazie con qualche sciagura!''</br> {{NDR|Pattume si getta ridendo sull'eremita che, spaventato, esce dallo stato di ascesi}}</br> '''Pantaleo''': Ouh, chi esse?!</br> '''Pattume''': Romito, posso io ti dicere lo motivo per lo cui io sie qui? O lo dichi tu?</br> '''Pantaleo''': Dichilo tu, dichilo tu, figlio. Perocché si tu es veniuto meco per discutere lo sesso degli agnoli pigliati codesto mio tomo...</br> {{NDR|Pantaleo si alza e prendendo un grosso libro ne fa cadere diversi altri sulla schiena di Pattume, che giosce per il dolore provato}}</br> '''Pantaleo''': ... ove lo tutto es ampliamente lucubrato. Se d'invece sete veniuti per sapere se la sustanzia dello Figliol di Dio sia "homo ius sia" od "homo usia", ovverosia se avvia o no la iota differentia...</br> {{NDR|Pantaleo si rialza ed estraendo un altro libro fa crollare un'intera pila di manoscritti}}</br> ... deccovi questo altro tomo, ove per argumento...</br> {{NDR|Pantaleo scambia gli atti di Brancaleone come atteggiamento di sufficienza ed altezzosità, quando in realtà egli sta tentando di fermare la perdita di sangue dal naso. L'eremita è in collera}}</br> '''Pantaleo''': Ma io veggo tra di voi un sussiegoso! Cavaliere! Donde te ne vene tanta spocchia, che te ne stai alto lo mento, spregioso l'aspetto! Sai tu che superbia es peccato capitale? ''Ti sia di giovamento questo mio tomo sullo ponderoso tema!''</br> '''Brancaleone''': Gratias Pater, non est superbia la mea, sibbene sanguine dallo naso!</br> '''Pantaleo''': Ah! Me ne cale assai!
402

contributi