Differenze tra le versioni di "Gabriele La Porta"

m
corsivo, altro
m (incipit+cat)
m (corsivo, altro)
'''Gabriele La Porta''' (1945 vivente), scrittore e giornalista italiano.
 
==''Giordano Bruno''==
===[[Incipit]]===
L'uomo vestito di nero si agita all'interno della nebbia. Tira indietro il capo e cerca di gridare, ma dalla sua bocca non esce alcun suono. Non può emettere nemmeno il più piccolo grido perché la sua bocca e la sua lingua sono trattenuti da un bavaglio di cuoio, detto «mordacchia». Poi la testa torna in posizione normale e due occhi ardenti guardano fisso davanti a loro. Sono colmi di una malinconia struggente.
 
===Citazioni===
*[...][Giovanni Pico della Mirandola|Pico della Mirandola]]. Alto, colto, dal portamento sicuro, capace di parlare tutte le lingue antiche, esperto di ebraismo e di kabbalà, poeta, filosofo, letterato, matematico, artista: Pico è tutto questo ed anche più. Uno spirito universale, vero anticipatore del Rinascimento in tutti i suoi aspetti, anche in quelli più imprevedibili e avventurosi.
*Sia [[Tommaso Campanella|Campanella]] che [[Giordano Bruno|Bruno]] parlano con disprezzo di chi pratica la magia per divinare, comandare o guarire a scopo di lucro. La ricerca autentica è quella di vedere la «divinità». La magia immaginativa appunto.
*Nei suoi scritti [di [[Giordano Bruno]]] c'è ben di più. La fine dei privilegi, la fine delle guarentige, la fine delle decime, la fine della funzione stessa del sacerdozio. Perché ogni uomo sarebbe libero di rivolgersi direttamente a Dio.
 
==Bibliografia==
*Gabriele La Porta, ''Giordano Bruno'', Bompiani, 1994.
 
==Altri progetti==
22 142

contributi