Differenze tra le versioni di "Maria Giuseppa Guacci"

''Oh compagne, oh sorelle,<br />Che di vostre bellezze innamorate<br /> Questa del mondo più serena parte,<br />Poichè natura al nostro suol comparte<br />Tranquille aure odorate<br />Ed amoroso fiammeggiar di stelle,<br />Dritto ben è che d'opre chiare e belle<br />Suoni il fiorito nido,<br />Il qual ne accolse dal materno grembo<br />E i nostri anni nudri sì dolcemente;<br />E il ciel puro e lucente<br />Cui rado turba procelloso nembo,<br />E il quieto mare, e l'ospital suo lido<br />Che, per antico grido,<br />Già di sirene albergo il mondo chiama<br />Or si rallegri di novella fama''.
====Citazioni====
*''Nudi i monti e le valli | Del lauro onde si cinse [[Italia]] e [[Roma]]'', | Per coronare allo straniero la chioma''. (p. 319)
*''E voi, cortesi e venerande donne | D'ogni valor colonne, | Il materno sermon teneste a vile: | Sparso di gentilezza il bel tesoro, | E il poetico alloro | Venne inculto e negletto, e le camene | Sospirando lasciar l'onde [[Mar Tirreno|tirrene]]''. (p. 320)
*''Dunque il sereno viso | Levate al cielo, e gli amorosi labri | Ogni estinta virtù traggan di Lete; | E poichè aprire e governar potete | I cor più rozzi e scabri | Col volger de' begli occhi o col bel riso | E far di questa terra un paradiso''. (p. 320-321)
*''Negli occhi vostri avanza ogni valore; | E così Dio largì del suo splendore | Alcuna parte in terra | Che allumi e guidi le terrene menti''. (p. 321)
 
====[[Explicit]]====
''Cortesemente, o mia canzon, saluta<br />Quante donne vedrai,<br />E di lor tua ragione e l'esser mio:<br />E s'odi che tuo vol poco alto sale,<br />Di', che t'impiuma l'ale<br />La sola carità del suol natio,<br />E che la [[patria]] con pietosi lai<br />Lor s'accomanda omai,<br />Perchè il nemico del suo mal non rida,<br />E tutta sua speranza a lor confida''.
15 808

contributi