Differenze tra le versioni di "Beniamino Gigli"

 
*La voce di Gigli può legittimamente rientrare fra i miti dell'opera. Compatta, armoniosa, omogenea, eccezionalmente spontanea nell'emissione, aveva una continuità di vibrazioni e una fermezza di suono che faceva pensare alla cavata carusiana. ([[Rodolfo Celletti]])
 
*Gigli aveva una cavata intermedia, tra il piano e il mezzoforte, ammaliante, anche perchè il suono restava ricco ed espansivo pur assumendo una sottile velatura di tenerezza ed emozione. ([[Rodolfo Celletti]])
 
==Altri progetti==
67

contributi