Differenze tra le versioni di "Luigi Tansillo"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  10 anni fa
m
Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".)
*''Ogni [[Uomo|uom]] tre luoghi di fuggir si studi, | che son dannosi e disagiati et egri: | l'[[Acerra]] e Fuoragrotta e le Paludi. | Per quella polve e quegli orror sì negri, | s'io avessi ver' Cuma il mio podere, | io starei a non irvi gli anni integri. | Oltre ai danni ch'egli han da le galere, | i cui spirti dannati, a suon di ferro, | a sradicar le selve vanno a schiere; | svellon gli arbusti, non che l'orno e 'l cerro. | Sto talor nel balcon, sento le torme: | per non vedergli, o mi fo indietro, o 'l serro''. (da ''Il podere'')
*''Quante ceneri e polvi giaccion, forse, | per queste glebe seminate e sparse, | ch'eran donne leggiadre; ed, al fin corse, | fûr da la terra sfatte e dal foco arse; | e la lor fama qualche tempo corse | e in molte ragion vaga sì sparse; | ch'or, da le zappe vòlte e da aratri, | da figlie d'uom son fatte d'erbe matri!'' (da ''Quante ceneri e polvi...''; citato in ''I capolavori della poesia italiana'', a cura di Guido Davico Bonino, CDE, 1972)
*Quanto io ami [[Venosa]]; e quanto mentono coloro, che hanno detto talvolta, ch'io neghi lei patria mia, ed altre cose più maligne, e massimamente ora di fresco, per rubare e diminuire il premio e la lode, che merito ed attendo di questo servizio. (da una lettera al Magistrato di [[Venosa]], citato in [[Francesco Fiorentino]], ''Poesie edite ed inedite di Luigi Tansillo'', Editore Domenico Morano, Napoli )
*''Mio Padre a [[Nola]], io a [[Venosa]] nacqui, | L'una origin mi diè, l'altra la cuna, | E che ne' versi miei talor non tacqui. | È nobil patria l'una e l'altra; e l'una | E l'altra un tempo fu possente e grande; | Ma così regge il mondo la fortuna''. (citato in [[Carlo Antonio de Rosa]]), ''Ritratti poetici di uomini di lettere del regno di Napoli'', stamperia e cartiera del Fibreno, Napoli 1834)
 
==''I due pellegrini''==
===[[Incipit]]===
'''FILAUTO''': ''Già fi raddoppia il dì ch'io vò smarrito, | Mercè del piè, che mi conduce in via. | Dove vetigio human trova | Sapessi almen dove mi vada, o sia? | Ecco un che và solingo, e fuor di srada: | Forse di me il Ciel l'invia: | Pria che l'ombro fa notte qui m'invada | Vò dimandar s'albergo è di vicino | Dove le stanche membra à gittar vada. | Chiunque sei del loco; ò Peregrino, | Tu ch'il piè movi si pensoso, e vago. Quelche cerchi, t'apporti il tuo destino''.<br />'''ALCINO''': ''Apportimi, che vuol, ch'io sol m'appago | Col pianger mio; ne mi potrà far lieto | Quanto in mill'anni volge l'aureo Tago''.<br />'''FILAUTO''': ''Lasso onde sei si mesto e inquieto ? | Huom più miser di me non vide il Sole. | Pur con l'altrui parlar spesso m'acqueto''.<br />'''ALCINO''': ''Deh per Dio non voler con tue parole | Al mio soverchio duol porgere aumento, | Basti ch'il soffro, e non sia men che sole''.
===Citazioni===
*'''ALCINO''': ''Peregrino son io come tu sei | Ch'abborrendo Città di patrie genti | Trapasso di mia vita i giorni rei''.
69 545

contributi