Apri il menu principale

Modifiche

+1
 
== ''I luoghi e la polvere'' ==
 
* Esistono nelle città, nei paesi, nelle campagne, "rovine semplici"...Cascine abbandonate, un muro senza aperture, uno spiazzo solitario con una fabbrica dismessa, una vecchia ciminiera diroccata, una strada che non finisce, chiese, mausolei, surreali lasciati al loro [[destino]], attraversati dal tempo. Troviamo queste rovine dappertutto nel mondo, sparse tra le nuove costruzioni, o isolate e lontane. Quello che colpisce è la [[tranquillità]], la pacatezza. Non servono più a nulla, non possono essere sfruttate, manipolate. Possono solo essere cancellate da una ruspa. Questa [[fragilità]] è la loro [[forza]]. Ci affascinano perché ci somigliano. Somigliano al nostro essere caduchi, alla nostra mortalità, alla sete dei nostri attimi di [[felicità]].
* Di giorno la [[luce]] naturale irrompe dalle finestre, filtra attraverso i vetri, crea un pulviscolo che investe diagonalmente le stanze, una polvere dorata che si diffonde sulle cose.
* L'[[occhio]] che guarda questi luoghi {{NDR|i luoghi diroccati e abbandonati}} immagina il loro passato, sente attraverso la pelle consumata dal tempo l'[[anima]] che li avvolge.
2 588

contributi