Apri il menu principale

Modifiche

1 020 byte aggiunti ,  9 anni fa
== Citazioni su Billie Holiday ==
*E quando tornerete a casa dite<br />Ho sentito cantare un angelo<br />Con le ali di marmo e raso<br />Puzzava di whisky era negra puttana e malata<br />Dite il mio nome a tutti, non mi dimenticate<br />Sono la regina di un reame di stracci<br />Sono la voce del sole sui campi di cotone<br />Sono la voce nera piena di luce<br />Sono la lady che canta il blues<br />Ah, dimenticavo... e mi chiamo Billie<br />Billie Holiday ([[Stefano Benni]])
*Possiamo Travare nelle sue incisioni del periodo 1935-40 tutti i procedimenti per mezzo dei quali essa trasformava una melodia: L'accentazione di certe note, che faceva precedere da brevi silenzi che attiravano su di esse l'attenzione (''Why was I born'', ''I wished on the moon'') L'affrancamento, in rapporto al tempo, della frase ( ''I Can't get sterted'') cominciata generalmente con un leggero ritardo su quello: un effetto da cui Billie Holiday ricavava un considerevole swing ( ''Miss Brown to you''); le improvvise opposizioni dei registri ( ''Body and soul''); o la combinazione di questi due ultimi effetti ( ''Can't help lovin' thet man''). Per tutta la durata di queste registrazioni, si resta colpiti dal modo in cui Billie Holiday "pensa" - o "sente" - i suoi vocali; ella lo fa molto più alla maniera d'uno strumentista che a quella di una cantante, tanto che quando, in ''She's funny that way'', ella segue Lester Young, sembra continuare il pensiero musicale di quest'ultimo.([[Demètre Ioakimidis]])
 
== Bibliografia ==
99

contributi