Differenze tra le versioni di "Stephen R. Donaldson"

Aggiunto incipit "Lo specchio dei sogni"
m (Automa: Sostituzioni normali automatiche di errori "tipografici".)
(Aggiunto incipit "Lo specchio dei sogni")
'''Stephen Reeder Donaldson''' (1947 – vivente), scrittore statunitense.
 
==[[Incipit]] di ''Bestiaalcune mitologica''opere==
===''Bestia mitologica''===
Norman era un uomo perfettamente equilibrato e perfettamente sano. Viveva con sua moglie e suo figlio, ambedue perfettamente equilibrati e perfettamente sani, in un mondo perfettamente equilibrato e sano. Così, quando si svegliò quella mattina, si sentiva perfetto, come sempre. Non aveva il minimo sospetto che le cose, per lui, avessero già cominciato a cambiare.<br>
Come al solito, si svegliò al segnale emesso dalla bioemittente ciberneticamente incorporata al suo polso; e, come al solito, la prima cosa che fece fu premere il pulsante che attivava lo schermo. Come al solito, sul minuscolo quadratino brillarono in verde le solite parole: ''Stai bene''. Non c'era niente di cui preoccuparsi.<br>
Come al solito, Norman non aveva la minima idea di quello che avrebbe fatto se avesse letto qualcosa di diverso.
 
===''Lo specchio dei sogni''===
La storia di Terisa e Geraden iniziò pressappoco come nelle favole. Lei era una principessa chiusa in un'alta torre. Lui era l'eroe venuto a salvarla. Lei era l'unica figlia di un uomo ricco e potente. Lui era il settimo figlio del signore della Settima Marca. Lei era incantevole, dalla cima dei capelli neri che le facevano da corona sulla testa alla punta dei piedini dalla pelle bianchissima. Lui era bello e coraggioso. Lei era prigioniera di un incantesimo. Lui non conosceva la paura e, quanto agli incantesimi, era abituato a spezzarli.
 
==Bibliografia==
*Stephen R. Donaldson, ''Bestia mitologica'', traduzione di Beata Della Frattina, Mondadori, 1980.
*Stephen R. Donaldson, ''Lo specchio dei sogni'', traduzione di Riccardo Valla, Mondadori, 1994. ISBN 8804383941
 
==Altri progetti==
26 784

contributi